Bassetti e i no vax: «Ancora minacce in piena notte, ma qualcuno alla fine piangerà»

Lunedì 6 Settembre 2021
Bassetti e i no vax: «Ancora minacce in piena notte, ma qualcuno alla fine piangerà»

Matteo Bassetti ancora alle prese con le minacce dei no vax. «Stanotte ho ricevuto ancora tre telefonate, tra mezzanotte e le tre del mattino. Continuano, purtroppo, con minore insistenza negli ultimi giorni anche perché avranno capito buona parte di loro che le Procure stanno lavorando e quando si arriverà alla fine, credo, che qualcuno piangerà», ha rivelato l'infettivologo, primario dell'ospedale San Martino di Genova.

 

Leggi anche > Vaccini, è battaglia. Mattarella: «E' un dovere». Ma la destra insiste: «No all'obbligo»

 

Intervenuto ad Agorà su RaiTre, il professor Matteo Bassetti ha parlato così dei no vax: «I loro insulti non sono contro i giornalisti, contro di me, contro Burioni o contro Draghi. Loro insultano tutti gli italiani che diligentemente hanno fatto il proprio dovere, vaccinandosi. A me non interessano, perché saranno perseguiti dalla legge, ma insultano la stragrande maggioranza degli italiani e soprattutto i giovani si stanno vaccinando, dando l'esempio ai 50enni con la sindrome di Superman».

 

Sul green pass, invece, Matteo Bassetti ha detto di essere favorevole ad una estensione: «Con la variante Delta, purtroppo, non basta l'80% della popolazione vaccinata, perché la contagiosità è divenuta molto simile a quella della varicella. Quindi dobbiamo tendere a oltre il 90% per coprire con l'immunità di gregge i non vaccinati». E sulla vaccinazione, l'immunologo genovese ha spiegato: «In questa estate abbiamo fatto fare ai medici il mestiere dei politici. Il mestiere dei medici è dire vacciniamo più persone possibile. Tutte le ipotesi sono fattibili, quello che mi dispiace è che abbiamo fatto diventare i vaccini un argomento di lotta politica. Questo è forse la dimostrazione di una classe politica non all'altezza. La vaccinazione è un atto d'amore verso noi stessi per evitare di contrarre una malattia grave e evitare di intasare le terapie intensive e ospedali, cosa che probabilmente succederà nel prossimo autunno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA