Lo storico Alessandro Barbero: «Poche donne al potere? Colpa loro, sono poco spavalde e sicure»

Giovedì 21 Ottobre 2021

Donne poco spavalde e poco sicure di loro stesse. Questo è secondo lo storico ed accademico Alessandro Barbero il motivo per cui il gentil sesso resterebbe più indietro rispetto agli uomini nella corsa al potere o nella carriera. Le parole di Barbero sono state raccolte da La Stampa nel corso di un'intervista e hanno dato il via a reazioni diverse.

 

Leggi anche > Qua la mano? Bassetti: «Basta con pugni e gomiti, torniamo anche ad abbracciarci»

 

«Vale la pena di chiedersi se non ci siano differenze strutturali fra uomo e donna che rendono a quest'ultima più difficile avere successo in certi campi», afferma. E, pur di rischiare di essere "impopolare", si domanda: «è possibile che in media, le donne manchino di quella aggressività, spavalderia e sicurezza di sé che aiutano ad affermarsi?». Ma uscire da questo schema potrebbe essere «solo una questione di tempo», prosegue l'accademico. «Basterà allevare ancora qualche generazione di giovani consapevoli e la situazione cambierà».
 

Barbero aveva guidato la protesta degli accademici contrari al Green pass. «Mi sono vaccinato, sia pure con qualche timore, e il Pass ce l'ho», afferma lo storico. Ma «resto della mia idea, ovvero che non mi piace l'obbligo di Green Pass per accedere ai mezzi pubblici o, peggio, per poter lavorare e ancor meno mi piace che i datori di lavoro debbano diventare controllori». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA