Attacco hacker russo ai siti dell'Italia: colpiti il Senato e il ministero della Difesa. «Attacco rientrato»

Attacco hacker russi ai siti dell'Italia: colpiti il Senato e il ministero della Difesa
Attacco hacker russi ai siti dell'Italia: colpiti il Senato e il ministero della Difesa
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 18:37 - Ultimo aggiornamento: 20:22

Un attacco informatico a diversi siti italiani, tra cui quello del Senato e della Difesa, è in corso da parte di hacker russi. L'attacco, rivendicato dal collettivo filo russo 'Killnet', secondo quanto si apprende non avrebbe al momento compromesso le infrastrutture ma starebbe rendendo complicato l'accesso ai diversi siti

Draghi, il discorso a Washington: «La Russia non è più Golia»

Su Telegram il collettivo di hacker russi ha pubblicato una serie di indirizzi che sarebbero stati violati, con l'indicazione «attacco all'Italia». Nell'elenco compaiono, oltre a Senato e Difesa, Scuola alti studi di Lucca, Istituto superiore di Sanità, Banca Compass, Infomedix (una società di servizi alle aziende) e l'Aci.

La app russa scaricata da migliaia di utenti (anche in Italia): «Potrebbe rubare i vostri dati»

In serata è poi arrivata una nota dello Stato Maggiore Difesa che ha precisato che «in riferimento alla notizia circolata circa l'impossibilità di raggiungere il sito internet www.difesa.it la stessa è dovuta ad attività di manutenzione da tempo pianificata, in atto sul sito».

Poco più tardi è arrivato anche un comunicato del Senato, tramite i senatori questori ha informato che l'attacco sarebbe rientrato. Secondo quanto ricostruito finora, nel pomeriggio ci sono stati molteplici e simultanei tentativi di accesso al sito, ma senza ripercussioni. In effetti ora il sito è raggiungibile, collegandosi dall'esterno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA