Coronavirus Italia, 41.035 casi (+4.480). I morti sono 3.405 (+427): superata la Cina. Guariti 4.440 (+415)

Giovedì 19 Marzo 2020
Coronavirus, in Italia 41.035 casi (+4.480). I morti sono 3.405 morti (+427): superata la Cina. Guariti 4.440 (+415)

Coronavirus, l'Italia supera la Cina per numero di morti. Secondo i dati diffusi dalla Protezione Civile, i casi totali dall'inizio dell'epidemia salgono a 41.035: i positivi attualmente sono 33.190, ossia 4.480 in più di ieri. I decessi sono 3.405  guariti 4.440, ha fatto sapere il commissario Angelo Borrelli. Ci sono quindi 427 morti in più rispetto a ieri e 415 guariti in più. L'aumento del contagio invece continua a salire, con 4.480 casi positivi in più. Si tratta del più grande incremento di casi finora. 

Coronavirus, Fox News: «Governo italiano fu avvertito da intelligence del rischio pandemia»
Coronavirus, il racconto del 41enne guarito: «Dopo 16 giorni in coma farmacologico sto per uscire»

I DATI DEL 19 MARZO

Sono 2.498 i malati ricoverati in terapia intensiva, 241 in più rispetto a ieri. Di questi 1.006 sono in Lombardia. Dei 33.190 malati complessivi, 15.757 sono poi ricoverati con sintomi e 14.935 sono quelli in isolamento domiciliare. Nelle ultime settimane sono stati effettuati 182.777 tamponi per il coronavirus, fa sapere Borrelli. 

Coronavirus, mappa contagio: in Lombardia, Emilia e Piemonte è boom di nuovi casi

Firmata intanto «l'ordinanza per la dematerializzazione delle ricette mediche, con l'attribuzione di un codice; i cittadini non dovranno più andare da un medico di base, ma avranno un codice in farmacia per ritirare i farmaci», ha spiegato Borrelli. 

Il presidente della Società italiana di pediatria Alberto Villani ha fatto sapere che «ad oggi in Italia ci sono 300 bambini malati di coronavirus» ma «non ci sono vittime né casi gravi. Questo - ha aggiunto - deve rasserenare moltissimo genitori e nonni, devono sapere che non è un problema pediatrico, quando ci sono sintomi va interpellato il pediatra e con lui stabilire il da farsi. Ma al momento il coronavirus di per sè non rappresenta un problema per i bambini».

Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 06:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA