Chef Rubio, Rita Dalla Chiesa lo accusa: «Vergognati, sapessi almeno cucinare»

Sabato 5 Ottobre 2019 di Silvia Natella
Sparatoria a Trieste, Rita Dalla Chiesa contro Chef Rubio: «Vergognati, difenditi da solo.. Sapesse almeno cucinare»
 «Vergognati per la tua immensa pochezza». Rita Dalla Chiesa interviene senza mezzi termini nella polemica scoppiata in seguito alle parole di Chef Rubio sulla sparatoria di ieri nella questura di Trieste costata la vita a due agenti di polizia. Il caso l'ha toccata personalmente dal momento che la conduttrice è figlia del generale ucciso dalla mafia nel 1982.


Chef Rubio, fratello poliziotto ucciso reagisce al tweet: ti auguro di perdere un caro. Poi le scuse


Trieste, su Fb il post commovente del padre di Matteo Demenego: ciao mio eroe, ora sei il nostro angelo 

Trieste, il giallo delle fondine difettose. Ministero era già al lavoro su «criticità». Questura: «Non c'entrano»

«Allora - scrive sul social la conduttrice -, adesso basta con questa storia della mancanza di preparazione dei nostri ragazzi delle Forze dell’Ordine. Se mai ti capiterà di essere minacciato pesantemente da qualcuno, difenditi da solo, visto che di loro non ti fidi. Vergognati per la tua immensa pochezza». «Sapesse almeno cucinare...», aggiunge in un messaggio successivo.
 
Chef Rubio, infatti, aveva ​commentato sui social la strage in Questura a Trieste. «Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente... Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedono nei vertici di un sistema stantio, che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente: io non mi sento sicuro in mano vostra».

Parole che avevano spinto Gianluca Demenego, fratello di una delle due vittime, ​a rivolgersi a lui in un post: «Chef Rubio sono il fratello del poliziotto impreparato! Beh, tieni sempre la guardia alta quando giri perché se colgo impreparato pure te fai la fine di mio fratello! Uomo di merda! Ti auguro di perdere un tuo caro! A presto!». Ne è scaturita una polemica con accuse lette come minacce. 


  Ultimo aggiornamento: 22:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA