Acqua alta a Venezia causata dal mix di marea e scirocco a 100 chilometri l'ora

Mercoledì 13 Novembre 2019
Venezia, acqua alta causata dal mix di scirocco e marea

Un mix micidiale di forti venti di scirocco sull'Adriatico e marea astronomica è all'origine dell'acqua alta da record a Venezia, mentre potrebbero esserci i cambiamenti climatici dietro la violenta tromba d'aria che si è abbattuta nel Salento, nonché dietro le forti piogge e le raffiche di vento, dalla velocità paragonabile a quella dei venti di un uragano, in molte zone l'Italia. E sulla Penisola è in arrivo una nuova ondata di maltempo che durerà fino a tutto il week end. Ancora una volta saranno possibili precipitazioni molto abbondanti, anche temporalesche, con il rischio di potenziali situazioni di criticità, non solo per le piogge ma anche per i forti venti. «La situazione di Venezia è stata determinata dalla combinazione di due fenomeni: i forti venti di scirocco, con raffiche fino a 100 chilometri orari che stanno soffiano su tutto l'Adriatico, sommati alla marea astronomica» ha detto all'agenzia Ansa Bernardo Gozzini, climatologo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e direttore del consorzio Lamma fra Cnr e Regione Toscana.

Il vento, ha spiegato, «crea un moto ondoso che fa alzare il livello del mare nella laguna. Sommato alla marea, questo fenomeno ha fatto aumentare in modo eccezionale il livello del mare a Venezia che non era così alto dal 1966, quando si alzò di 194 centimetri». Lo stesso fenomeno fa alzare anche il livello del Po negli ultimi tratti: «In pratica il fiume, quando sfocia in mare, trova una sorta di tappo, dovuto al mare agitato, che non gli permette di scaricare l'acqua». Diverso invece è il caso della tromba d'aria che si è abbattuta su Porto Cesareo, nel Salento, le veloci raffiche di vento che stanno sferzando l'Italia e le forti piogge in molte zone (160 millimetri in 36 ore a Caltagirone, in Sicilia): secondo l'esperto, non è escluso che questi eventi estremi potrebbero essere collegati ai cambiamenti climatici. «Queste situazioni meteo, dalle trombe d'aria alle forti piogge - ha spiegato Gozzini - sono abbastanza normali in autunno, ma il cambiamento climatico potrebbe farle diventare più esplosive, perché influisce sui meccanismi alla base della loro formazione, in pratica incrementa le differenze di temperatura tra quota e suolo e le differenze di pressione, creando un ambiente favorevole allo sviluppo di eventi estremi».

La situazione meteo in questi ultimi due giorni sulla Penisola, ha proseguito, «è dovuta alla bassa pressione che ha raggiunto valori molto bassi, dando origine a forti venti con raffiche paragonabili a quelle di un uragano. I venti infatti hanno superato 180 chilometri orari in alcune zone come Novara di Sicilia e hanno raggiunto 119 chilometri orari a Gallipoli». Quando ci sono condizioni di questo genere, ossia differenze di pressione, differenze di temperatura in quota (20 gradi sotto lo zero a 6.000 metri e 8-10 gradi al suolo), sommate al mare caldo che crea più evaporazione immettendo energia nel sistema, ha concluso Gozzini, possono verificarsi fenomeni localizzati ma molto forti.

Acqua alta Venezia, il sindaco Brugnaro: «Danni per centinaia di milioni di euro»
Jesolo, mareggiata fa scomparire la spiaggia: gravi danni anche agli alberghi
Acqua alta a Venezia, sommerso anche il bambino naufrago di Banksy
Venezia, acqua alta da record: «Alla Basilica di San Marco sfiorata l'Apocalisse»
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 18:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA