25 aprile, Al Bano: «La festa? Mi domando ora da chi ci dobbiamo liberare»

25 aprile, Al Bano: «La festa? Mi domando ora da chi ci dobbiamo liberare»
«Per un musicista quello che conta è l'armonia, solo quando c'è grande armonia una musica è quasi perfetta. Se si introducesse questo principio anche in politica si farebbe il bene dell'Italia, di qualsiasi Paese».​ A raccontare così, all'Adnkronos, il suo rapporto con il 25 aprile è Al Bano che quanto alle polemiche sulle celebrazioni della Liberazione fra Salvini e Di Maio, alle rispettive posizioni in materia, dice che «non c'è novità» e aggiunge: «Per me il 25 aprile è anzitutto la festa di San Marco Evangelista, il patrono del mio paese, Cellino San Marco. Ovviamente so che è la festa della Liberazione e mi domando: ora da chi ci dobbiamo liberare?».

​25 aprile, Di Maio a Salvini: «Grave negare la festa». Il leghista: «Sarò in Sicilia contro la mafia»
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 23 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento: 13-06-2019 11:46
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti