Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quirinale, Gabanelli rinuncia: «Continuo
a fare la giornalista, cambierò le cose
facendo il mio lavoro»

Quirinale, Gabanelli rinuncia: «Continuo a fare la giornalista, cambierò le cose facendo il mio lavoro»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Aprile 2013, 17:09 - Ultimo aggiornamento: 19:45
ROMA - Milena Gabanelli non disponibile a candidarsi al Quirinale. In una lettera pubblicata su Corriere.it, la giornalista ha annunciato il suo ritiro dalla corsa al Colle. La giornalista, conduttrice di Report, era risultata la più votata nelle "quirinarie" online del Movimento 5 Stelle e ieri aveva detto che ci avrebbe dormito sopra e oggi avrebbe dato una risposta.



La lettera. «Mi rivolgo ai tanti cittadini - scrive Gabanelli - che hanno visto in me una professionista sopra le parti e quindi adeguata a rappresentare l’inizio di un cambiamento nel Paese. Sono giornalista da 30 anni e ho cercato sempre, in buona fede, di fare il mio mestiere al meglio; il riconoscimento che in questi giorni ho ricevuto mi commuove, e mi imbarazza».



«Certamente non mi sono mai trovata in una situazione dove sottrarsi è un tradimento e dichiararsi disponibile un segno di vanità - continua -. Forse non si sta parlando di me, ma dell’urgenza di dare un volto a un’aspettativa troppo a lungo tradita. Che io non avessi le competenze per aspirare alla Presidenza della Repubblica mi era chiaro sin da ieri, ma ho comunque ritenuto che la questione meritasse qualche ora di riflessione. E non è stata una riflessione serena».



«Quello che mi ha messo più in difficoltà in questa scelta è stato il timore di sembrare una che volta le spalle, che spinge gli altri a cambiare le cose ma che poi quando tocca a lei se ne lava le mani. Il mio mestiere è quello di presentare i fatti, far riflettere i cittadini e spronarli anche ad agire in prima persona. Ma quell’agire in prima persona è tanto più efficace quanto più si realizza attraverso le cose che ognuno di noi sa fare al meglio. Io sono una giornalista, e solo attraverso il mio lavoro – che amo profondamente – provo a cambiare le cose, ad agire in prima persona, appunto».



«Per ora il candidato del M5S è Milena Gabanelli», aveva detto poco prima Gino Strada, secondo più votato alle quirinarie 5 stelle, sottolineando che non è automatico prendere il posto della giornalista di Report in caso di rinuncia. «Cosa decideranno lo decidono loro, non io, sono il secondo più votato, ma è irrilevante, il Movimento ha fatto la sua scelta». «Trovo irrispettoso fare ora dei commenti, aspettiamo le decisioni, poi tireremo le conseguenze», aggiunge Strada, che considera i voti ricevuti alle Quirinarie come «un consenso al lavoro portato avanti da Emergency in 19 anni».