Tiziano Ferro attacca Fedez: «Atto di bullismo». Il rapper si scusa e rilancia: «Facciamo qualcosa insieme»

Mercoledì 20 Novembre 2019
Tiziano Ferro attacca Fedez: «Scherzare sulla sessualità atto di bullismo molto forte»

Tiziano Ferro all'attacco di Fedez sul tema sessualità. «Mi si tira in ballo e io sono ironico, finché si scherza va bene, mi spiace solo quando queste cose sono legate al sentimento e alla sessualità, perché anche una battuta può mettere un adolescente a disagio, e che un idolo dei ragazzini mi prenda in giro su questo è un atto di bullismo molto forte, non solo verso di me»: lo ha detto Tiziano Ferro, parlando non troppo velatamente di Fedez, durante la conferenza di presentazione del suo nuovo album «Accetto miracoli». Nel suo album, Tiziano Ferro fa riferimento alle offese ricevute, e oggi a Milano ha spiegato che «il bullismo non è finito a 13 anni» e che viene anche da chi scrive canzoni.

Tiziano Ferro contro Fedez: «Ognuno fa il suo mestiere… e il mio è il cantante»

A chi gli ha chiesto se si riferisse a Fedez ha risposto «uno dei dai...». Tiziano Ferro ha poi sottolineato che «serve una legge contro l'odio, perché le parole sono importanti. Bisogna imparare a dire le cose, esistono forme e tempi». Per l'artista di Latina «anche questo è bullismo, non ci si deve scherzare».

Tiziano Ferro, chat ammiccante con Marco Mengoni: «Qui giochiamo sporco!»

Non è la prima volta che i due cantanti si punzecchiano. Accadde quando Fedez in coppia col socio JAx cantava in “Comunisti col Rolex”: «Tiziano Ferro si è comprato l’attico di fianco a Fedez / con i soldi risparmiati a cena con il fisco inglese», riferendosi coi passati problemi col fisco del collega. Accuse a cui Ferro rispose sempre in conferenza stampa: «Qualcuno mi ha raccontato di una citazione. Mi sono arrivate queste informazioni e le ho prese con un “ok, va bene, ognuno fa il suo mestiere”… e il mio è il cantante». E ora come la prenderà Fedez?

Fedez si scusa in una Instagram Stories e rilancia, invitando il rapper di Latina a fare qualcosa insieme contro il bullismo e l'omofobia. Per quanto riguarda 'Tutto il contrariò «questo testo - dice Fedez - l'ho scritto che avevo 19 anni, quando ancora non avevo un casa discografica e un pubblico. Questa canzone mi ha lanciato ed è stata la mia prima canzone famosa. Mi fa strano rendere conto di una cosa che ho scritto tanti anni fa. A quell'età si hanno delle esperienze diverse e ci si esprime con toni diversi».

«Penso, negli anni, di aver dimostrato che io e l'omofobia - sottolinea - viaggiamo in parallelo e non ci incontriamo. Basti pensare a quello che ho fatto con Mika, e da solo, contro il bullismo e l'omofobia». E poi le scuse e una proposta: «Non ho mai pensato che quella canzone potesse aver offeso Tiziano. Ora che lo so mi sento di dire che non avevo intenzione di offendere. Mi dispiace e sono sicuro che sul tema omofobia e bullismo sia io che Tiziano possiamo trovarci d'accordo e fare tante belle cose insieme. Cerchiamo di rendere costruttiva questa cosa, vorrei rilanciare: qualora Tiziano avesse voglia di fare qualcosa che possa sensibilizzare le persone, mi trova a completa disposizione, facciamo qualcosa di bello per una volta».
 

Ultimo aggiornamento: 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA