Tommaso Zorzi e i tamponi, la battuta omofoba del comico Pucci e l'amara sorpresa per l'influencer

Prima la battuta omofoba del comico Pucci verso Tommaso Zorzi. Poi addirittura il blocco su Instagram

Tommaso Zorzi e i tamponi, la battuta omofoba del comico Pucci e l'amara sorpresa per l'influencer
Tommaso Zorzi e i tamponi, la battuta omofoba del comico Pucci e l'amara sorpresa per l'influencer
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 19:57 - Ultimo aggiornamento: 20:08

Tommaso Zorzi vittima di una battuta omofoba del comico Andrea Pucci. Durante uno spettacolo, il comico milanese ieri sera ha tirato in ballo l'influencer, parlando dei tamponi.

Leggi anche > Tommaso Zorzi cita Stefano De Martino e rivela: «Torno dallo psicologo, ne ho bisogno»

«I tamponi te li fanno a una narice sola. Se sei str..., te li fanno a entrambe. Se sai ancora più str..., te li fanno in gola. Se sei Zorzi, te li fanno in c..o», la battuta del comico Pucci, rivelata a Tommaso Zorzi da un'amica che aveva assistito allo spettacolo. Alla fine, l'influencer diventato famoso con il docu-reality Riccanza si è lasciato andare ad un lungo sfogo su Instagram. «Ma mi conosci? Che ne sai se e dove lo prendo io? Ancora con queste battute antiche, stile anni '80? Sono passati i '90, gli anni 2000, gli anni 2010... Pensi di far ridere così?» - ha spiegato Tommaso Zorzi - «Immaginate se io salissi su un palco e dicessi: "Oh ragazzi, mi si è rotto l'aspirapolvere, mi sa che uso la moglie di Pucci per quanto succhia". Tu mi diresti: "Sei pazzo? Come ti permetti? Sciacquati la bocca". A te fa ridere la dicotomia gay-tutti lo prendiamo nel didietro, ma una battuta del genere a tre giorni dal Pride è inaccettabile e credo che tu mi debba delle scuse».

Come se non bastasse, Tommaso Zorzi ha poi scoperto di non essere nuovo a finire nelle battute di Pucci. Una volta il comico, accusato anche di battute sessiste nei confronti di alcune avvenenti ragazze, avrebbe infatti detto: «Tommaso Zorzi mi sta sulle palle, è troppo gay». Poi, l'amarissima sorpresa: l'influencer scopre di essere stato bloccato su Instagram dal comico che lo aveva tirato in ballo. 
«Ci ho pensato un po', leggendo anche i vostri commenti. Credo che la stand-up comedy debba avere meno regole, perché va a trattare temi scomodi. Ad esempio, negli Usa c'è Pete Davidson che fa spesso battute sulle Torri Gemelle. Ma suo padre è morto l'11 settembre, quindi viene da un pulpito che gli permette di fare una cosa del genere» - ha aggiunto, dopo qualche ora, Tommaso Zorzi - «La differenza tra satira e bullismo è questa: la satira colpisce i potenti, se negli spettacoli tu, eterosessuale, mi dici che ti sto sulle palle perché sono "troppo gay", c'è poco da fare. Mi dispiace, ma sei omofobo, ti compatisco perché sei ignorante. E comunque tutte queste battute sono racchiuse nel suo spettacolo che si chiama "Il meglio di Andrea Pucci". Il meglio! Questo è il meglio. Il meglio! Genio!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA