Selvaggia Lucarelli, è morto il suo cane Godzilla: «Sei stato l'eroe del mio Leon». Il toccante addio

«Meritavi una vita più lunga, meritavi una vita più facile: sarai sempre il nostro cane, non ti dimenticheremo mai»

È morto Godzilla, il cane di Selvaggia Lucarelli: l'addio commuove il web: «Sei stato l'eroe del mio bambino»
È morto Godzilla, il cane di Selvaggia Lucarelli: l'addio commuove il web: «Sei stato l'eroe del mio bambino»
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 15:50 - Ultimo aggiornamento: 17:56

Brutta notizia per Selvaggia Lucarelli, che in un post su Instagram ha fatto sapere di aver perso Godzilla, il cagnolino legatissimo alla famiglia, soprattutto al figlio Leon. Suo fedele amico, il cavalier king di tre colori nell'ultimo anno aveva avuto diversi problemi di salute che lo avevano costretto anche al ricovero in clinica. Ma il temperamento era forte il pet era sempre tornato a casa dai suoi affetti, dalla sua padrona e soprattutto dal suo padroncino Leon, legatissimo al pelosetto

Gianluca Vacchi furioso dopo le accuse: «Falsità contro di me. Ora denuncio io»

Il commovente addio di Selvaggia Lucarelli a Godzilla

Con una carrellata di foto la blogger saluta con amore il suo amico a quattro zampe ripercorrendo tra immagini e parole una vita passata insieme. «Sarai in ogni paperella, pan di stelle, pizza margherita che vedrò e per cui andavi pazzo. Sarai nelle cose che ti piacevano e nelle cose che hai rincorso, nei piccioni, negli uccellini, nelle libellule dell’ultima estate insieme. Sarai nei gatti di casa che ti hanno conosciuto per poco e che guardavi come si guardano i bambini scalmanati, con il muso da anziano paziente e in fondo un po’ divertito».

«Ti abbiamo chiamato Godzilla per scherzo e invece, alla fine, sei stato degno del tuo nome fino all’ultimo. Sei stato l’eroe del mio bambino, il suo amico dell’adolescenza, la creatura preferita di Lorenzo. Sei stato nei miei libri, nelle gite in montagna, sotto le scrivanie degli hotel e le sedie al ristorante. Meritavi una vita più lunga, meritavi una vita più facile, ma ti giuro piccoletto, ci siamo impegnati perché potesse essere davvero vita fino all’ultimo. Sarai sempre il nostro cane, non ti dimenticheremo mai. E vedi se finalmente ti riesce di catturare una libellula, sarebbe anche ora. Ti amo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA