Miriam Leone e le foto sul social: «Io non ritocco!». L'ironia dei fan: «Dal tuo pulpito è un pelino più facile...»

Mercoledì 1 Settembre 2021 di Danilo Barbagallo
Miriam Leone (Instagram)

Miriam Leone contro il fotoritocco. In tema di “Body positive” Miriam Leone si mostra ai follower senza filtri, invitandoli a fare lo stesso, così da accettarsi e non diventare “schiavi” di Photoshop. Alcuni fan però hanno ironizzato, tirando in ballo l’innegabile bellezza dell’attrice.

 

 

Leggi anche > Britney Spears accusa il padre di estorsione

 

 

 

 

Miriam Leone si mostra suo social senza filtri e invita i suoi fan a fare lo stesso. In un post con uno scatto che la vede di spalle, Miriam ha comunicato il suo pensiero sulle foto sui social: «IO NON RITOCCO… - ha scritto su Instagram - Dovrebbe essere un claim ragazzi/e, il nostro mantra, la nostra forza, la nostra autodeterminazione… e sì, ci vuole forza, tanta forza ad accettare ciò che non ci piace di noi (che non è detto siano difetti, a volte sono nostre fissazioni, nostre ossessioni, compagni sgradevoli con cui magari siamo cresciuti/e …) e a un certo punto LIBERARSI, ACCETTARSI, che non significa accontentarsi, ma ricercare la versione migliore di noi stessi e abbracciarla… ragazzi/e giocate con i filtri se volete, ma non diventatene mai schiavi/e … è per questo che mostro da sempre foto di me senza trucco, naturali, cerco la luce, ma mai la falsità…adesso, intanto, respiro un po’ di mare e lascio fare alla luce quello che deve fare …#nofilter #naturalstyle #genuine #sticadeicommenti #accussì».

 

 

 

 

Il post di Miriam Leone ha raccolto subito un grande numero di like e apprezzamenti da parte dei follower, che condividono il pensiero della loro beniamina. Alcuni fan però hanno ironizzato, sostenendo che quando si è belli come lei è abbastanza semplice non fare uso di Photoshop. I commenti vanno da «Cos’hai da ritoccare», a «Hai pienamente ragione, Miriam! Certo che dal tuo pulpito, forse, è un pelino più facile..», passando per «Se devi ritoccare anche te siamo veramente fottut*».

© RIPRODUZIONE RISERVATA