Gerry Scotti dimagrito dopo il Covid, finale di Tu si que Vales a rischio: «Ancora positivo, avevo il casco per l'ossigeno»

Martedì 17 Novembre 2020
Gerry Scotti dimagrito dopo il Covid, a rischio la finale di Tu si que Vales: «Ancora positivo, avevo il casco per l'ossigeno»

Gerry Scotti è visibilmente dimagrito dopo 13 giorni di ricovero a causa del coronavirus. «Ho perso più di 10 kg», ha detto a Nicola Savino per Radio Deejay, nella prima intervista dopo il contagio. L'esperienza nell'ospedale Humanitas di Milano lo ha segnato, ma per fortuna ieri è tornato a casa. Il 64enne è stato nell'anticamera della terapia intensiva per 36 ore ed è stato costretto a indossare il casco per l'ossigeno.

 

Leggi anche > Iva Zanicchi torna a casa dopo il ricovero per Covid: «Grazie ai medici, li abbiamo denigrati ma sono eroi»

 

«Ho fatto l’ossigeno, quello è la cura basilare. Quando l’ossigeno non arriva agli organi, la saturazione comincia a scendere e la batteria del tuo telefono comincia a spegnersi. Avverti spossatezza, è come se avessi fatto una maratona senza averla corsa. Avevo la cannula nel naso e il casco che non solo ti dà la dose di ossigeno ma ti aiuta a fare ginnastica con il polmone», ha dichiarato il conduttore.

 

Qualche giorno dopo aver contratto il Covid-19, le condizioni di Gerry Scotti sono apparse incompatibili con le cure a casa ed è stato ricoverato in ospedale. Lo stesso è toccato negli ultimi giorni, nel mondo dello spettacolo, a Carlo Conti e Iva Zanicchi. Il volto noto di Canale 5 sta molto meglio, ma è ancora positivo. Per questo è a rischio la sua partecipazione alla finale di Tu si que vales, prevista per il prossimo 28 novembre e come ogni anno in diretta su Canale 5.

 

Nell’ultima puntata - registrata - Scotti è riuscito a collegarsi da casa, quando non era ancora finito in ospedale. Nell’intervista con Nicola Savino, Gerry Scotti ha chiarito che tornerà solo se riuscirà a negativizzarsi. Intanto, le puntate di Caduta Libera, il preserale di Canale 5, continuano ad andare in onda perché sono state tutte registrate con largo anticipo.

 

Ultimo aggiornamento: 18 Novembre, 11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA