«Fedez mi ha censurato»: il prete "youtuber" don Alberto Ravagnani accusa il rapper. E lui reagisce così

Domenica 16 Maggio 2021 di Redazione Gossip Leggo
«Fedez mi ha censurato»: il prete "youtuber" don Alberto Ravagnani accusa il rapper. E lui reagisce così

Fedez passa da "censurato" a "censore" secondo le accuse di don Alberto Ravagnani, il prete 'youtuber' da centinaia di migliaia di followers. Oggi si è consumato un botta e risposta tra i due, rigorosamente sui social, ma secondo il sacerdote, vecchia conoscenza del marito di Chiara Ferragni, la "censura" sarebbe stata applicata proprio su Instagram.  «Bloccato. Che per le dinamiche dei social significa “fatto fuori” o “censurato”», lamenta don Alberto.

 

Leggi anche > Leone, lite "furiosa" con Fedez: «Non si fa!». Interviene anche Chiara Ferragni

 

Fedez e don Alberto Ravagnani

Il prete della parrocchia di San Michele di Busto Arsizio, con cui il rapper ha avuto diversi scambi di opinione, ha annunciato di essere stato bloccato su Instagram dal cantante. Fedez non ha esitato a rispondergli, con delle “stories” sempre su Instagram: «Bizzarro che mi accusi di censura, visto che ti ho dato spazio sui miei canali per esprimere idee che considero aberranti. In realtà ti ho bloccato perché mi avevi “asciugato” con i tuoi messaggi». Il cantante milanese aveva ospitato don Alberto nei suoi Podcast e sul suo canale Twitch, nonostante le diverse opinioni sul sesso prima del matrimonio, sul preservativo e su altri temi. 

 

Leggi anche > Chiara Ferragni e Fedez, basta con l'affitto: come e dove sarà la casa che hanno comprato

 

Fedez e don Alberto Ravagnani

La controreplica del prete ha preso spunto dal commento incriminato sull'ormai famoso concerto del primo maggio. «Peccato, io non ce l’avevo assolutamente con lui – scrive don Alberto Ravagnani su Instagram – ma per dialogare bisogna essere in due: evidentemente non vuole farlo. Fedez, io però rimango amichevole e disponibile...» E ha aggiunto: «Tempo fa a Fedez ho mandato un messaggio, lui mi ha risposto con due e io gliene ho mandato un altro a cui lui mi ha risposto, e poi era finita lì. Qualche settimana dopo sono stato bloccato, cosa che non ritengo corretta». «Mi hai tempestato di messaggi, anche offensivi... preferisci cavalcare l’onda con un post su Instagram invece di scrivermi su Whatsapp», ha concluso Fedez.

 

Fedez e don Alberto Ravagnani

Nella questione è entrata l’eurodeputata della Lega Isabella Tovaglieri: «”Complimenti” a Fedez, paladino dei diritti e delle libertà sui social solo quando fa comodo a lui, altrimenti diventa campione di intolleranza, come ha fatto oggi bloccando don Alberto Ravagnani, sacerdote di Busto molto conosciuto tra i giovanissimi, colpevole soltanto di aver manifestato garbatamente il proprio pensiero. La libertà di espressione deve valere per tutti e in tutte le situazioni, caro Fedez, non solo quando si tratta di compiacere una certa sinistra radical chic!».

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 22:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA