Kate e William, tour in treno in Scozia e Galles: ma l'accoglienza è glaciale. Sturgeon: «Informati di limitazioni spostamenti»

Martedì 8 Dicembre 2020

Kate, William e un tour in treno ai tempi del Covid: un'idea che a molti non è piaciuta. E infatti i Duchi di Kensington hanno ricevuto un'accoglienza abbastanza tiepida in Scozia e Galles, paesi che hanno attraversato in treno nel corso nel loro tour reale. L'iniziativa, concepita per incoraggiare il Regno in tempi di pandemia e per rendere omaggio a coloro che lavorano nei servizi di urgenza o di prima necessità, si chiude oggi nella capitale gallese Cardiff.

Kate Middleton, look scozzese (e riciclato) per la visita a Cardiff: l'unica novità è la nuova borsa preferita

L'accoglienza

Organizzazione low profile e incontri con autorità di rango modesto, probabilmente, come sottolinea il Guardian, a causa delle restrizioni sugli spostamenti a causa del Covid. La freddezza verso i due duchi 38enni - alla ricerca di consenso e di un ruolo pubblico maggiore mentre la 94enne regina Elisabetta resta in isolamento di fatto per ragioni precauzionali nel castello di Windsor - è stata giustificata con la necessità di rispettare le restrizioni sul distanziamento e sui contatti sociali tuttora in vigore nel Regno. Ma secondo il Guardian è apparsa evidente rispetto ai toni più cordiali delle soste precedenti in Inghilterra.

 

Video

La frecciata di Sturgeon

Tanto più che la first minister indipendentista del governo locale scozzese, Nicola Sturgeon, pur evitando polemiche dirette, non ha esitato nelle scorse ore a sottolineare come Kensington Palace - residenza ufficiale dei Cambridge - avesse deciso autonomamente di procedere con il viaggio «nonostante» fosse stato informato delle «limitazioni sugli spostamenti» imposte per ragioni di cautela sanitaria anti Covid fra le misure locali adottate in Scozia. Parole poco favorevoli anche dal ministro della Salute gallese, Vaughan Gething, il quale ha sottolineato come sarebbe meglio che nessuno pensasse di fare «visite non necessarie» mentre i casi di Covid sono in netto aumento e che «la loro visita non deve diventare una scusa per le persone di entrare in condusione su ciò che viene chiesto loro di fare». 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre, 16:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA