William e Kate, camera da letto al piano terra e mobili Ikea per i figli: tutte le “stranezze” dei duchi di Cambridge

Il Duca e la Duchessa di Cambridge, William e Kate
Il Duca e la Duchessa di Cambridge, William e Kate
di Simona Antonucci
4 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Maggio 2022, 10:37 - Ultimo aggiornamento: 28 Maggio, 08:12

Una grande casa di 20 stanze che comprende cinque saloni, tre camere da letto principali e due nursery. Anche se viene chiamata “appartamento”, la residenza ufficiale londinese di Kensington Palace del principe William e Kate Middleton, Duca e Duchessa di Cambridge e dei figli, il principe George, la principessa Charlotte e il principe Louisè, è una sontuosa dimora: “l’interno” 1A del palazzo. Ogni confort e qualche “anomalia”.

Il principe George e la principessa Charlotte

Quando si tratta di andare a letto la sera, sembra che William e Kate vadano contro la norma, almeno per quanto riguarda la posizione di alcune delle loro camere da letto e la scelta “pop” di parte dell’arredamento. Secondo quanto riportato da “Hello!”, le piantine rivelano che due delle camere da letto principali della casa della coppia reale si trovano in realtà al piano terra, anziché ai piani superiori. E ai cosiddetti piani “nobili” salirebbe invece il personale. In passato, William e Kate hanno condiviso solo piccoli scorci della loro casa a Kensington Palace, lasciando le loro stanze da letto rigorosamente off-limits. Tuttavia, qualche particolare è trapelato, rivelando almeno un’idea di come potrebbero essere le camere da letto di George e Charlotte. Successe nel 2018, durante una visita al museo nazionale svedese di architettura e design di Stoccolma, quando dichiararono di avere alcuni mobili Ikea. Marcus Engman, responsabile del design dell’azienda, ha raccontato che la coppia avrebbe spiegato di aver scelto alcuni mobili dell’azienda per il principe George e la principessa Charlotte. «Sono orgoglioso del fatto che possiamo soddisfare tutti», commentò Engman. «È questo che vogliamo che Ikea sia: per le tante persone del mondo, sia per i reali che per la gente comune».

 

Duca e la Duchessa di Gloucester

Tuttavia, nonostante sia la casa dei Cambridge, Kensington Palace ospita anche il Duca e la Duchessa di Gloucester, il Duca e la Duchessa di Kent e il Principe e la Principessa Michael di Kent. Maggiori dettagli sul palazzo arrivano da True Royalty’s Royal Beat, con l’autore reale Christopher Warwick ha detto: «Tutte le residenze reali a Kensington Palace sono chiamate appartamenti, il che ovviamente fa pensare subito che si tratti di appartamenti. E invece si tratta di case con 20 stanze, dal seminterrato alla soffitta». Ma le curiosità sulle di dimore del Duca e della Duchessa di Cambridge non si fermano a Kensington Palace.

Windsor

Da tempo gira voce che il principe William e Kate Middleton, per stare più vicini alla regina Elisabetta, lasceranno Kensington Palace e traslocheranno a Windsor coi loro tre figli. E già circolano voci sulla possibile nuova dimora. Secondo il Sun i duchi avrebbero scelto l’Adelaide Cottage, a soli dieci minuti a piedi dal castello della sovrana. Il cottage, che è stato recentemente ristrutturato e secondo un insider «è perfetto per una famiglia composta da cinque persone». Costruito nel 1831, l’Adelaide Cottage, di proprietà della regina, è stato spesso utilizzato per ospitare gli amici della famiglia reale.

Adelaide Cottage

E dal 1944 al 1952 fu il rifugio segreto dove la principessa Margaret incontrava il suo amante Peter Townsend. C’è però un problema: non sono gli unici royals a volerla. I Cambridge sarebbero interessati al cottage perché è vicino alla regina e alla scuola dei figli. Ma secondo un’indiscrezione del Daily Mail il cottage era stato promesso dalla regina prima a Harry e Meghan (ora in California) e poi al figlio Andrea, che a sua volta lo aveva ceduto alla figlia Eugenia, che cerca una casa più spaziosa per la famiglia. Andrea, travolto dallo scandalo Epstein, è stato progressivamente allontanato dalla vita di corte: Adelaide Cottage potrebbe quindi diventare un nuovo casus belli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA