Valentina Ferragni, i problemi di salute e la diagnosi errata: «Dopo un anno tutto da rifare»

Torna a parlare del suo stato di salute la sorella di Chiara Ferragni dopo l'intervento per asportare un tumore maligno: sta bene e la cicatrice è quasi scomparsa. Ma oggi l'influncer deve ripetere le analisi per l'altra patologia che le hanno diagnosticato

Valentina Ferragni, i problemi di salute e la diagnosi errata: «Dopo un anno tutto da rifare»
Valentina Ferragni, i problemi di salute e la diagnosi errata: «Dopo un anno tutto da rifare»
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 16:24 - Ultimo aggiornamento: 17:38

Valentina Ferragni, la sorella della più famosa imprenditrice digitale italiana, ha aggiornato i suoi follower su Instagram sulle sue condizioni di salute. Solo qualche mese fa l'intervento d'urgenza per rimuovere un tumore maligno. All'inizio Valentina pensava che quella bolla fosse un brufolo che non voleva passare, poi quel puntino continuava a stare la e a modificarsi così la sorella di Chiara Ferragni decise di farsi controllare da un medico. Immediatamente Valentina finì sotto i ferri per rimuovere quello che in realtà si era dimostrato un tumore maligno. Ieri per la piu' piccola di casa Ferragni c'è stato il primo controllo dai medici della cicatrice che ormai è quasi sparita. 

Chiara Ferragni: «Periodo deprimente nel 2015, ero in una relazione che non funzionava»

Valentina Ferragni come sta dopo l'intervento?

«La costanza nel curarlo tutte le sere con la crema e il cerotto, nel mettere sempre la crema protettiva 50 su tutto il viso e nel non espormi al sole (sempre col cappello) ha fatto in modo che sia praticamente invisibile ormai» ha spiegato l'influencer. Quindi grazie a una costanza certosina ormai quel problema di salute sarebbe risolto, ma non è così per un altro disturbo di cui soffre Valentina. 

La diagnosi errata di insulino resistenza

All'inizio del mese scorso la sorella di Chiara aveva raccontato di soffrire di insulino-resistenza. Una patologia che può portare al diabete mellito di tipo 2. Dopo aver effettuato altri esami i dottori le hanno confermato che la prima diagnosi si in realtà è risultata errata. «Gli esami in cui mi si diagnosticava l’insulino resistenza sono fallati e praticamente nulli, non entro nel dettaglio perché è una tematica molto lunga e non molto bella» racconta ai follower Valentina.Bisogna ricominciare daccapo e la speranza è che i rultati diano stavolta un esito negativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA