Francesca Ferragni, la foto della pancia a una settimana dal parto fa piovere le critiche: «Non è una gara»

La sorella minore di Chiara Ferragni è diventata mamma e attira i commenti negativi di quanti trovano di cattivo gusto mostrarsi così "in forma"

Francesca Ferragni, la foto della pancia a una settimana dal parto fa piovere le critiche: «Non è una gara»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 09:25 - Ultimo aggiornamento: 2 Luglio, 17:39

Il 21 giugno, insieme all'estate, in casa Ferragni-Nicoletti è arrivato Edoardo, il primo figlio di Francesca - la sorella minore di Chiara - e del compagno Riccardo. Insieme al piccolo, come succede in ogni famiglia, sono arrivati gli stravolgimenti tipici dei primi tempi con un bebè. Cambiano gli orari e le ore di sonno pro capite, cambiano i ritmi e le abitudini, anche il look dei neogenitori diventa più comodo e pratico. E cambia il corpo della mamma. Ancora una volta dopo i lunghi nove mesi della gravidanza.

La foto della pancia a una settimana dal parto

Il "quarto trimestre" trasforma nuovamente il corpo, e così come nei tre precedenti non esiste una regola: a ognuna il suo, e a ognuna i suoi tempi. Sarà per questo che ha fatto tanto scalpore la foto pubblicata da Francesca Ferragni per celebrare una settimana dal parto. L'ultima di una carrellata in cui mostra il piccolo Edoardo tra le sue braccia e quelle del papà, tutine e piedini. E infine una foto allo specchio, di profilo, a mostrare quel ventre che solo fino a sette giorni prima conteneva una vita. 

 

È qui che si è concentrata l'attenzione dei followers, che in quel mostrare una pancia tornata quasi piatta in così poco tempo hanno voluto vedere una mancanza di tatto da parte della Ferragni junior. «Tutto molto bello, peccato per l’ultima foto davvero di cattivo gusto, che dimostra ancora una volta l’ennesima gara a chi torna in forma più veloce…mi dispiace pensavo tu fossi “diversa”», si legge in uno dei commenti. Un pensiero comune a molte altre, che si dicono d'accordo. Ma che non prende in considerazione un altro aspetto: se amiamo tanto professare la libertà di ogni donna rispetto al proprio corpo, dobbiamo anche imparare ad accettare tutti i corpi. Non solo quando il confronto ci fa comodo.

Il body shaming al contrario

Perché il rischio è dietro l'angolo, e si chiama body shaming anche quando non ci si ritrova a criticare cellulite e smagliature. E sono in tante, sempre tra i commenti al post, a rendersene conto: «Non è nessuna gara poi, mica ha fatto una dieta in una settimana, sarebbe anche impossibile perdere la pancia in una sola settimana solo per farsi vedere sui social. È un effetto dello stile di vita che faceva dapprima e se ne è fiera permettiamole di esserlo invece di criticare. Ognuna a sé, come hai detto tu».

© RIPRODUZIONE RISERVATA