Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma diventa la provincia 'ndranghetista di Cosoleto: 43 arresti

foto

La conferenza stampa dell'operazione anti 'ndrangheta "Propaggine". «Siamo una propaggine di là sotto». Così i vertici dell'organizzazione 'ndranghetista che operava nella capitale, riferendosi alla Calabria, si vantavano nelle intercettazioni si essere una sorta di «filiale», o meglio, una «Locale» autorizzata dall'organizzazione malavitosa calabrese. Roma, quindi, «provincia» sotto l'aspetto malavitoso, del comune di Cosoleto (RC). Questa ufficialità nel riconoscimento territoriale è considerata dagli inquirenti un unicum. Per la prima volta, infatti, la 'ndrangheta avrebbe riconosciuto ufficialmente una «locale» al di fuori del territorio calabrese.