Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Strangolata dal marito, Giulia muore dopo 9 giorni di agonia. Lui le scrisse: «Copriti o ti uccido»

foto
Giulia Lazzari è morta dopo nove giorni di agonia. Non ce l'ha fatta la 23enne strangolata dal marito Roberto Lo Coco l'8 dicembre scorso dopo una feroce lite avvenuta ad Adria, un piccolo comune in provincia di Rovigo. Giulia era in coma farmacologico ricoverata presso l'ospedale Santa Maria della Misericordia. Il movente dell'aggressione sarebbe stato legato al fatto che la coppia si stava separando. Lei faceva la cameriera, lui era disoccupato e tossicodipendente da eroina. Le mani dell'uomo si erano strette attorno al collo della giovane mamma fino a provocarle un arresto cardiaco e un edema cerebrale da anossia. Per il 28enne di origini siciliane il capo d'imputazione verrà modificato in omicidio volontario aggravato.