Fedez insieme a Chiara Ferragni

Fedez finisce nei guai per una lite con un suo vicino di casa. Il rapper milanese, infatti, è imputato davanti al giudice di pace di Milano per lesioni nei confronti di un 44enne con il quale era venuto alle mani nel marzo di tre anni fa. Quest'ultimo ha anche chiamato a testimoniare il cantante Fabio Rovazzi che, però, nell'udienza dello scorso 21 novembre ha sostanzialmente dato ragione al collega Fedez. La vicenda risale al 12 marzo 2016, all'epoca in cui Federico Leonardo Lucia - questo il vero nome di Fedez - viveva in un loft con giardino in zona Tortona, a Milano. Nel marzo dello scorso anno, invece, ha traslocato in un attico in zona City Life insieme alla moglie, la blogger e influencer Chiara Ferragni, e al loro bambino. All'epoca della lite, era stata la musica ad alto volume fino all'alba, che proveniva dalla casa del cantante, a provocare la reazione del vicino, irritato perché suo figlio ancora piccolo si era svegliato per via degli schiamazzi. Intorno alle 6 del mattino, l'uomo aveva deciso di fare valere le sue ragioni e si era quindi diretto nell'appartamento, dove aveva trovato la porta aperta. A quel punto, lui e Fedez erano arrivati alle mani. Il vicino aveva chiamato i carabinieri ed entrambi erano finiti in ospedale, il primo con una prognosi di 10 giorni per un trauma cranico lieve e un'escoriazione alle labbra, Fedez con una prognosi di 15 giorni per un trauma alla mandibola. Entrambi avevano sporto denuncia e da quella del 44enne è partito il procedimento che si sta svolgendo davanti al giudice di pace Tommaso Cataldi. Rovazzi, che di recente avrebbe anche avuto degli attriti con Fedez, ha testimoniato, però, a favore del rapper. Ha riferito che, secondo il suo ricordo, sarebbe stato il vicino a entrare nell'appartamento e a colpire al volto il marito di Chiara Ferragni. Rovazzi, poi, si sarebbe seduto sul divano, come da lui riferito, e avrebbe chiamato l'ambulanza. In un video caricato su Facebook, Fedez aveva risposto così alla notizia della lite di cui si era già parlato all'epoca: «Volevo rassicurare i fans, sto benissimo. E a tutti i detrattori che gioivano di questa aggressione ... sarà per la prossima volta». E ancora: «Mi ha appena chiamato mia nonna per dirmi che al telegiornale poco prima di dare una notizia sul Papa avrebbero asserito che io sarei tra l'ospedale e l'obitorio senza mandibola dopo una festa incredibile. Io - aveva aggiunto l'ex giudice di X Factor - sono veramente lusingato delle attenzioni dei media italiani, ma ovviamente l'esagerazione fa sempre molta più notizia». La vicenda aveva scatenato anche reazioni sui social: da una parte, i sostenitori del rapper, pronti ad esprimere il loro sostegno con l'hashtag #iostoconfedez, dall'altra i detrattori. Inoltre, su Twitter erano state postate alcune foto, subito diventate virali, di Fedez sulla sedia a rotelle dell'ospedale San Paolo, scattate da chi in quel momento condivideva l'attesa al Pronto soccorso. La prossima udienza, davanti al giudice di pace, è stata fissata per il prossimo 12 aprile.