Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spari al luna park, paura tra la folla: ferito alla gamba. Ricercato un 24enne. La testimonianza: «Così ho salvato mio figlio»

Spari al luna park, paura tra la folla: ferito alla gamba. Ricercato un 24enne. La testimonianza: «Così ho salvato mio figlio»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Settembre 2022, 09:37 - Ultimo aggiornamento: 2 Settembre, 13:04

Spari tra la folla la scorsa notte al luna park di Manfredonia in provincia di Foggia, dove il pregiudicato 46enne Giovanni La Torre è stato ferito a una gamba. Le sue condizioni di salute sono buone. Nessun altro è rimasto ferito. A sparare, sarebbe stato un pregiudicato 24enne, attualmente ricercato. Secondo una prima ricostruzione il 47enne e il 24enne avrebbero litigato poco prima della sparatoria. Gli investigatori escludono che il ferimento sia riconducibile alla criminalità organizzata.

Al momento della sparatoria, verso le 2, c'era molta gente al luna park allestito alla periferia della città in vista della festa patronale. Era da poco finito lo spettacolo di fuochi pirotecnici e gli spari hanno seminato il panico tra la gente che è fuggita cercando riparo.

La Torre ha precedenti per rissa, lesioni personali e porto illegale di armi da fuoco. Dopo essere stato ferito con un colpo di pistola alla coscia, La Torre è stato medicato sul posto dal personale del 118 e poi trasportato all'ospedale di San Giovanni Rotondo. Sul posto hanno operato gli agenti di polizia che hanno recuperato sull'asfalto quattro bossoli.

Il sindaco: «Già da oggi più forze dell'ordine in città»

«È stato concordato, sin da oggi, un ulteriore e celere potenziamento di personale delle forze di polizia a Manfredonia, e lo svolgimento a stretto giro di un tavolo provinciale per la sicurezza presso palazzo di città». Lo comunica il sindaco di Manfredonia (Foggia), Gianni Rotice, al termine del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato in mattinata a Foggia dopo l'agguato in cui è rimasto ferito da colpi di pistola a una gamba il 46enne Giovanni La Torre, la scorsa notte nel luna park di Manfredonia, affollato per la festa patronale. Rotice sottolinea di aver «riferito nel corso della riunione» che sta «registrando da tempo la presenza di alcuni piccoli gruppi di individui senza scrupoli, la maggior parte esterni alla città, che stanno generando nella comunità cittadina tensioni e allarme sociale». Le forze di polizia proseguono con «le attività d'indagine per la ricostruzione del grave accaduto e l'individuazione dei responsabili dell'azione delittuosa, che ha generato allarme sociale e preoccupazione nella comunità cittadina e tra i tanti turisti giunti in città per la festa patronale». 

La testimonianza choc

«Ero appena arrivato alle giostre in compagnia di mia moglie e di mio figlio di tre anni. Prima avevamo seguito la processione e assistito allo spettacolo dei fuochi d'artificio. Quando ho visto la gente scappare e urlare ho pensato a mettere al sicuro mio figlio e mia moglie, mentre continuavo a vedere gente che piangeva impaurita». Inizia così il racconto di una persona che la scorsa notte era nel luna park di Manfredonia dove il 46enne Giovanni La Torre è stato ferito a una gamba da una persona che ha esploso alcuni colpi di pistola. «Scappiamo, scappiamo, stanno sparando», urlavano tutti. «C'era tantissima gente - ricorda - soprattutto famiglie con bambini». Subito dopo il fuggi fuggi generale «sono arrivati i soccorsi, polizia e carabinieri che hanno riportato la calma tra la folla. Alcuni parlavano anche di un litigio tra la vittima e un ragazzo per sciocchezze, pare per uno sguardo di troppo sulle giostre». «Quanto vissuto ieri sera - conclude - rimarrà indelebile nella mia mente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA