Sparatoria a Nettuno in provincia di Roma: feriti boss foggiano e figlio minorenne

Sparatoria a Nettuno in provincia di Roma: feriti boss foggiano e figlio minorenne
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Marzo 2022, 18:55 - Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 08:49

È Antonello Francavilla, di 44 anni, ritenuto uno dei capi della mafia foggiana, il detenuto agli arresti domiciliari ferito in un agguato compiuto a Nettuno, vicino a Roma, nel quale è rimasto ferito in maniera più grave il figlio minorenne.

È in corso un intervento neurochirurgico di urgenza per il ragazzo di 16 anni nell'agguato di stampo mafioso a Nettuno, in provincia di Roma. Il minorenne è stato trasferito al policlinico Gemelli dove è giunto intorno alle ore 15 con ferite da arma da fuoco alla testa e al torace. Al termine degli interventi medici ritenuti necessari, il giovane paziente sarà trasferito in Terapia intensiva pediatrica diretta dal professor Giorgio Conti.

Ai domiciliari dal 2021

Antonello Francavilla è ai domiciliari dal marzo 2021, dopo otto anni ininterrotti trascorsi in cella. Era finito in carcere nel novembre 2013 in un blitz antidroga. Assieme al fratello Emiliano e al suocero Roberto Sinesi, 62 anni, nome storico della mafia foggiana, è ritenuto al vertice del clan Sinesi-Francavilla, una delle tre batterie della "Società Foggiana".

Antonello Francavilla, ritenuto uno dei capi della mafia foggiana, ferito in un agguato compiuto a Nettuno, vicino a Roma, sta scontando agli arresti domiciliari condanne (definitive) alla pena complessiva di 13 anni e 4 mesi di reclusione sia per concorso nell'importazione di 300 quintali di hashish dal Marocco, via Spagna, a Foggia, sia per associazione mafiosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA