Chiusi in una busta e gettati nel cassonetto: salvati tre cuccioli destinati a morte certa

Chiusi in una busta e gettati nel cassonetto: salvati tre cuccioli destinati a morte certa
3 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Maggio 2022, 16:21 - Ultimo aggiornamento: 17:17

Erano stati rinchiusi in una busta di plastica e gettati in un cassonetto in zona Matine, a San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia. Tre cuccioli di cane erano destinati a morte certa se i loro guaiti non fossero stati sentiti da un cittadino che ha avvisato i volontari. Così, è scattata la macchina dei soccorsi: il volontario è intervenuto sul posto per recuperare e mettere in salvo i piccoli, accuditi poi da un gruppo di volontari e dal servizio veterinario, allertato dalla Polizia Locale.

Immediatamente, il comandante della Polizia Locale di San Giovanni Rotondo, Giuseppe Bramante, ha disposto l'avvio delle indagini che, grazie alle immagini di alcune telecamere di videosorveglianza della zona, hanno portato all’identificazione dell’autore dell’abbandono, che ora dovrà rispondere del suo gesto - che è un reato - direttamente alle autorità competenti.

Leggi anche: Cagnolino lanciato giù da un cavalcavia a Taviano. E' caccia all'autore del gesto

Il commento del sindaco e del comandante

«Sarebbe troppo riduttivo definire questo gesto semplicemente “vile” e “inumano”. Siamo davanti a un episodio che genera incredulità e tristezza, un reato da condannare. Mi viene solo da pensare - ha commentato il sindaco Michele Crisetti - a quanta miseria umana possa esserci dietro una scelta di questo tipo, a come si possa fisicamente chiudere dei cuccioli in una busta e lasciarli al loro destino». «Mi auguro di avviare una campagna informativa sull’argomento, mirata ad invogliare i detentori di animali domestici, non solo alla loro capillare registrazione all’anagrafe canina, ma anche a ricorrere, qualora lo ritengano opportuno, alla loro sterilizzazione sì da ridurre anche il fenomeno che, a seguito dell’abbandono, sfocia poi nel randagismo», il commento del Comandante Bramante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA