Lo storico Palazzo di giustizia abbandonato: il sindaco di Lucera si incatena e fa lo sciopero della fame contro il Ministero

Lo storico Palazzo di giustizia abbandonato: il sindaco di Lucera si incatena e fa lo sciopero della fame contro il Ministero
LUCERA (FOGGIA) - «Salvare lo storico
palazzo del Tribunale di Lucera, ricco di affreschi e arredi di
pregio, dall'incuria e dal degrado in cui è stato abbandonato
dal Ministero di Giustizia, dopo averne decretato la chiusura
delle attività». E' l'appello che il sindaco di Lucera, Antonio Tutolo, rivolge al Presidente della
Repubblica Sergio Mattarella. Tutolo è protagonista in queste ore di una protesta che ha fatto conoscere il caso in tutta Italia: ha deciso di incatenarsi davanti all'ex palazzo di
Giustizia e avviare uno sciopero della fame.
«Cari concittadini, l'8 agosto 2013 - ha scritto Tutolo sul
suo profilo Facebook, dal quale ha rivolto l'invito alla
mobilitazione - un decreto ministeriale metteva lo stabile del
Tribunale di Lucera a disposizione del Tribunale di Foggia. In
questi anni, nonostante i miei ripetuti solleciti, nessuno è
intervenuto a fare la manutenzione dovuta per legge ad un
edificio di riconosciuto interesse storico-artistico.
Quell'immobile è di proprietà comunale e nulla percepiamo per
l'uso di quello stabile di rilevanza storica e artistica». «Oggi
ci sono danni ma - rileva il sindaco - la struttura è ancora
recuperabile con interventi puntuali e mirati. È mio dovere
difendere un bene di nostra proprietà. È un mio dovere morale.
Dal ministero nessuna risposta è giunta».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 22 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:38