Bombe e omicidi, il Viminale annuncia: «Nuova sede Dia e 20 investigatori in più»

Sabato 18 Gennaio 2020
«Lo Stato schiera una task-force contro la mafia in Puglia». E invierà a Foggia - annuncia il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, 20 nuovi investigatori. Per la titolare del Viminale l'escalation di violenza nella regione «non può passare inosservata. Ma penso - ha aggiunto, a margine di una conferenza stampa - che sia un segnale di debolezza, non di forza della criminalità. Hanno paura che le cose cambino».

Attentati a Foggia, cento perquisizioni, tre arresti e sequestri di armi e bombe. Il ministro: «I cittadini abbiano fiducia»
Agguato a colpi di fucile: boss della mafia foggiana ucciso davanti al portone di casa
Paura nel Foggiano: torna libero il boss “U' Criatur”

Sul territorio, dunque, ci saranno venti investigatori in più. «Lo Stato - ha proseguito il ministro Lamorgese - farà la sua parte. Il 15 febbraio si inaugura una sezione operativa della Dia, la direzione investigativa antimafia. Saranno una ventina di investigatori. Intanto ho concordato con il Capo della polizia, il prefetto Gabrielli, che manderemo consistenti rinforzi nell’ immediato, per accompagnare questa reazione e dare un segnale tangibile alla comunità con la presenza delle forze di polizia».

Tutti i nuovi investigatori provengono da altre province e sono specializzati in servizi delicati, come la tutela delle persone sottoposte a protezione personale per avere denunziato la mafia ed il racket delle estorsioni. © RIPRODUZIONE RISERVATA