San Severo, rapinatore beccato grazie al telefono cellulare dimenticato nei pantaloni: fermato prima che partisse in treno

Venerdì 11 Febbraio 2022

Stava tentando la fuga al Nord, ma è stato fermato dai carabinieri prima che potesse prendere il treno. Giovane sottoposto a fermo. 

L'intervento dei carabinieri

E' stato un telefono cellulare dimenticato nei pantaloni che si era cambiato prima di rapinare una tabaccheria a San Severo, e che aveva lasciato lì vicino, a consentire ai carabinieri di individuare il 20enne che è stato sottoposto a fermo e poi all'obbligo di firma dal gip del tribunale di Foggia.

La rapina è avvenuta venerdì scorso ai danni di una tabaccheria che dal 2017 ha subito sei colpi, e il cui titolare, esasperato, ha proposto al Comune di gestire l'attività.

Sette rapine in quattro anni: tabaccheria nel mirino del malvimenti

Il giovane, che non ha una fissa dimora, è stato trovato in un casolare alla periferia di San Severo. I Carabinieri hanno trovato nascosti in una busta di plastica i vestiti utilizzati per la rapina e due biglietti del treno con destinazione Nord Italia. Secondo gli investigatori il 20enne ha rimandato la partenza a causa della grande presenza di forze dell'ordine nei pressi della stazione.

 

Ultimo aggiornamento: 15:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA