Si affiancano all'auto e sparano: commerciante giustiziato con tre colpi di pistola

Venerdì 3 Gennaio 2020
Roberto D'Angelo, commerciante 52enne di Foggia, è stato ucciso ieri sera in un agguato che ha seminato il terrore in città. L'uomo si trovava alla guida della sua auto, una Fiat 500 L, diretto a casa di amici per prendere la moglie, quando è stato avvicinato da una moto a bordo della quale c'erano una o due persone che hanno sparato tre colpi di pistola: alla spalla, alla gola e all’orecchio.

Omicidio-suicidio a Cerignola. Ferita anche un'altra donna
Agguato a colpi di fucile: boss della mafia foggiana ucciso davanti al portone di casa

Ad allertare le forze dell'ordine una telefonata anonima. Sul posto sono subito accorsi gli agenti della Squadra Mobile di Foggia, che hanno raccolto le testimonianze e stanno cercando ora di ricostruire le ultime ore di vita di D'Angelo, provando a capire perché e da chi il commerciante sia stato giustiziato. 

D'Angelo aveva precedenti per truffe e reati contro il patrimonio risalenti a molti anni fa, ma secondo le prime indagini non aveva legami con i contesti mafiosi locali. Un precedente inquietante lo offre la sua famiglia: nel 1974 anche suo padre fu assassinato, fuori dallo stadio comunale.  Ultimo aggiornamento: 12:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA