Ergastolano pugliese in permesso premio accoltella anziano. La relazione dal carcere: «Era cambiato». Nel '79 uccise 3 carabinieri

Sabato 9 Novembre 2019
​In permesso premio accoltella uomo: fermato, è Antonio Cianci. L'anziano ferito è grave

A distanza di 40 anni dall'omicidio a sangue freddo di tre carabinieri nell'hinterland milanese e a 45 dal suo primo omicidio, commesso quando era appena 15enne, Antonio Cianci  torna in prima pagina accoltellando alla gola un pensionato di 89 anni per rapinarlo in un parcheggio sotterraneo dell'ospedale San Raffaele di Milano. Le sue condizioni sono gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita.  Cianci è l'ergastolano di 60 anni che nell'ottobre del 1979 uccise tre carabinieri a Melzo (Milano). Detenuto nel carcere di Bollate, Cianci aveva ottenuto, da quanto si è saputo, un permesso premio. Una concessione che ha indignato la figlia di uno dei militari ammazzati dal bandito. 

Ucciso boss ergastolano nel nord barese: era in permesso premio
Johnny lo Zingaro, l'ergastolano non si presenta al lavoro: è evaso
Il killer del catamarano evaso per la terza volta. Era in Portogallo in attesa dell'estradizione

Per poche monete e un cellulare ha deciso di spendere quel permesso premio, concesso pare per un solo giorno, accoltellando alla gola per rapina un anziano. Se l'è giocate in questo modo quelle ore di libertà Antonio Cianci, che aveva 20 anni nel 1979 fa quando uccise tre carabinieri della stazione di Melzo, nel Milanese, che l'avevano fermato per un controllo.

Oggi, ergastolano di 60 anni è stato bloccato di nuovo dalla polizia per quell'aggressione sfociata in un tentato omicidio, con la vittima che fortunatamente, da quanto si è saputo, non è in pericolo di vita. Il pensionato, che si era smarrito nei meandri dell'ospedale, è stato ferito alla gola da Cianci nel tardo pomeriggio mentre si trovava nel parcheggio sotterraneo dell'ospedale San Raffaele di Milano, al piano 'meno 1', vicino a delle macchinette del caffè.

Stando a quanto ricostruito dagli agenti, Cianci lo avrebbe avvicinato per chiedergli dei soldi e al rifiuto dell'anziano, lui l'avrebbe colpito alla gola con un taglierino, portando via pochi soldi e il telefonino dell'uomo. E poi è scappato ed è stato fermato dagli agenti vicino alla stazione della metropolitana di Cascina Gobba. Aveva ancora il taglierino sporco di sangue con sé e anche i pantaloni insanguinati. Cianci, originario di Cerignola (Foggia) e che le cronache dell'epoca descrivevano come un giovane dal passato difficile e un «patito di armi», aveva 20 anni quando, nella notte tra l'8 e il 9 ottobre del '79, uccise i tre militari (il maresciallo Michele Campagnuolo, l'appuntato Pietro Lia e il carabiniere Federico Tempiniche lo avevano fermato ad un posto di blocco tra Liscate e Melzo, nel Milanese, a bordo di un'auto che risultava rubata.

Mentre i militari controllavano i suoi documenti quella notte, scoprendo, tra l'altro, che a 15 anni aveva già ucciso un metronotte a Segrate (venne assolto per incapacità mentale e fece 3 anni di riformatorio), il giovane fece fuoco con una pistola automatica. Quando venne arrestato, Cianci non confessò e disse, anzi, che a sparare ai militari della stazione di Melzo erano stati alcuni sconosciuti a bordo di un'auto.

Al processo di primo grado venne condannato all'ergastolo, confermato in appello nel 1983. Processo quest'ultimo in cui finalmente, però, con una lettera ai giudici confessò la strage e la condanna venne confermata, poi, anche in Cassazione. Ora era detenuto a Bollate e, da quanto si è saputo, aveva ottenuto un permesso premio di un giorno. La sua vittima di oggi è ricoverata al San Raffaele, è grave ma non in pericolo di vita.

LA FIGLIA DI UNO DEI CARABINIERI UCCISI
Aveva 6 anni Daniela Lia quando nel 1979 suo padre, l'appuntato Pietro Lia, venne «massacrato senza pietà» a 51 anni, assieme ad altri due carabinieri, mentre stava facendo il suo lavoro, un servizio di controllo su una strada statale vicino Melzo, nel Milanese. Antonio Cianci gli sparò addosso 5 colpi, «ma mio padre si rialzò cinque volte, lottò finché poté contro di lui, alla fine aveva le unghie rotte».

Non è bastato un ergastolo per «quell'essere ignobile», dice ora all'ANSA la donna, ma gli è stato «permesso» di creare «altro dolore» in un'altra famiglia, «di calpestare e oltraggiare ancora la memoria del mio papà e dei suoi colleghi Michele Campagnuolo e Federico Tempini».

«Quando ieri molto delicatamente due carabinieri mi hanno dato conto di questa notizia - racconta Daniela Lia - sono rimasta sconvolta dal fatto che si sia permesso a questo essere ignobile, che massacrava senza pietà, di mettere un'altra famiglia in condizioni di dolore, calpestando e oltraggiando, tra l'altro, ancora la memoria di mio padre e dei suoi colleghi». Chiarisce subito di avere «molto rispetto per lo Stato», di essere «molto grata all'Arma per tutto l'affetto che ha dimostrato per la nostra famiglia in questi anni». Aggiunge, però, facendo riferimento al permesso premio concesso dai giudici, che «non si doveva permettere a quest'essere di andare ancora in giro a creare dolore».
Su quel permesso premio, si è intanto appreso, il ministro della Giustizia ha disposto accertamenti.

Daniela Lia racconta ancora che sua madre «non si riprese mai dalla morte di mio padre, fu lacerata per sempre dal dolore, ebbe un ictus e morì tre anni fa». La notte scorsa, spiega Lia, «l'ho passata senza dormire e il dolore si è risvegliato ancora stamattina». Proprio domenica scorsa, poi, «c'era stata una cerimonia a Melzo» con carabinieri e cittadini ad onorare quei tre militari morti in servizio nel '79, ai quali è stato «dedicato anche un cippo di marmo in un parco». Poi, la notizia che a quell'uomo «senza scrupoli, né pietà, che uccideva per uccidere non per rapina», è stato permesso di tornare a colpire. Quel Cianci che cercò di negare anche la strage, senza mai un gesto, una lettera ai familiari delle vittime.

Tra l'altro, racconta ancora, tre anni fa, un mese dopo la morte della madre, Daniela Lia fu costretta a subire anche un furto in casa nel corso del quale i ladri «portarono via anche tutte le medaglie e i ricordi di mio padre, persino il suo orologio ancora sporco di sangue che mia mamma custodiva come un reliquia». Lanciò anche un appello via Facebook per cercare di ritrovare quegli oggetti, mentre delle sue amiche, non molto tempo fa, per onorare la memoria dell'appuntato Lia hanno messo anche un video on line. «Tanti gesti di affetto e di rispetto ho ricevuto - conclude - gesti che mi aiutano ad andare avanti».

KILLER SPIETATO
Un killer spietato e lucido, che non esitava a sparare «alle spalle», al volto e «al cuore» di una persona a terra, e poi a «frugare tra i cadaveri» per portare via le armi alla sue vittime, tre carabinieri e un metronotte. È la figura, come emerge dagli atti giudiziari dell'epoca, di Antonio Cianci, il 60enne condannato all'ergastolo per l'omicidio nel '79 di 3 militari di Melzo e che 5 anni prima, a 15 anni, aveva già ucciso un metronotte, sempre nel Milanese. Ieri in permesso premio ha tentato di uccidere un anziano per una rapina nel parcheggio sotterraneo dell'ospedale San Raffaele di Milano. Era detenuto nel carcere di Bollate e ora si trova a San Vittore e dovrebbe essere interrogato dal gip non prima di domani, mentre il pm si appresta a chiedere la convalida del fermo e la custodia in carcere per tentato omicidio e rapina. «Stava frugando sopra i cadaveri», così un teste aveva descritto 40 anni fa il comportamento di Cianci, subito dopo che aveva sparato ai 3 carabinieri che lo avevano fermato per un controllo.

 

Ultimo aggiornamento: 11 Novembre, 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA