Violentò la figlia perché lesbica: «Questo devi guardare, non le donne». Il pm chiede 8 anni di carcere

Mercoledì 24 Febbraio 2021
Violentò la figlia perché lesbica: «Questo devi guardare, non le donne». Il pm chiede 8 anni di carcere

La Procura di Termini Imerese (Palermo) ha chiesto una condanna a otto anni di carcere per un uomo accusato di aver violentato la propria figlia perché lesbica, per poi investirla con la macchina quando la giovane si era costituita parte civile. Una storia terribile di violenze e soprusi nei confronti di una ragazza che all'epoca dei fatti aveva appena 15 anni, e che aveva la sola "colpa" di essere omosessuale, e che vede sul banco degli imputati sia il padre che la madre, per cui invece il pm ha chiesto due anni di reclusione.

 

Leggi anche > Alberto Genovese vuole uscire dal carcere: «Ha chiesto i domiciliari per potersi disintossicare»

 

Una punizione esemplare scattata tra le mura domestiche. Come raccontato dalla stessa vittima, quando il padre la violentò le disse: «Queste cose devi guardare, non le donne». E poi avrebbe ancora detto, con la moglie: «Meglio morta che lesbica», dopo averla rinchiusa nella camera da letto. Oggi la vittima ha quasi 25 anni e si è costituita parte civile davanti al gup di Termini Imerese, nel processo che si celebra con il rito abbreviato, contro i genitori accusati di maltrattamenti e atti persecutori. Il padre risponde anche di violenza sessuale aggravata

 

Leggi anche > Roma, ragazzo suicida a 21 anni: si è impiccato in casa con la cinta dell'accappatoio

 

Lei aveva solo 15 anni: tentò più volte il suicidio

 

A rappresentare la ragazza in aula l'avvocato Giuseppe Bruno, che è sempre stato vicino alla vittima. Una volta diventata maggiorenne la ragazza trovò il coraggio di denunciare l'accaduto. A fare scattare la rabbia e la follia dei genitori erano stati dei messaggi trovati sul cellulare della ragazza da cui sarebbe emerso il suo orientamento sessuale. Fu la sorella della giovane a raccontare tutto ai genitori. La donna tentò anche più volte il suicidio. Poi, dopo l'ennesimo abuso sessuale, scappò di casa e li denunciò appena diventata maggiorenne. «Vennero a prendermi a scuola - raccontò la vittima agli inquirenti- e mentre eravamo in macchina mi davano botte dappertutto». Poi a casa l'abuso sessuale. Dopo la denuncia presentata nel 2016 la giovane è stata subito trasferita in una comunità protetta. L'udienza è stata rinviata dal giudice per le indagini preliminari al prossimo 22 giugno per sentire le difese e la parte civile. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA