Vaccino, due dosi possono non bastare. Gli esperti Usa: possibile richiamo dopo 9-12 mesi

Venerdì 16 Aprile 2021

Negli Usa si sta prendendo in considerazione la possibilità ricorrere a una terza dose di vaccino anti Covid dopo nove o al massimo 12 mesi dall’ultima somministrazione. L’ipotesi è stata illustrata dal capo scientifico della task force anti-Covid della Casa Bianca, David Kessler, che ha ipotizzato «un richiamo a partire dai soggetti più vulnerabili». Lo riferisce il Guardian. 

 

Covid, Rt ancora in calo a 0,85: «Oltre 1 in cinque regioni». Campania verso la zona arancione

 

Mentre è ancora allo studio la durata della protezione dei vaccini, stimata al momento a circa nove mesi, la possibilità che sia necessaria una ulteriore dose oltre al ciclo previsto è stata avanzata anche dall’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla: «Ci sono vaccini come quello contro la poliomielite per cui una dose è sufficiente, e ci sono quelli contro l’influenza per i quali c’è bisogno di una ogni anno. Il virus Covid assomiglia più a quello dell’influenza», ha spiegato Bourla in un incontro alò Cvs Healt corp.

© RIPRODUZIONE RISERVATA