«Feti abortiti nei vaccini anti Covid»: le parole choc del giudice della Corte Suprema anti-aborto e anti-gay

«Feti abortiti nei vaccini anti Covid»: le parole choc del giudice della Corte Suprema anti-aborto e anti-gay
«Feti abortiti nei vaccini anti Covid»: le parole choc del giudice della Corte Suprema anti-aborto e anti-gay
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 17:03

Feti abortiti nei vaccini contro il Covid-19. Una delle bufale più clamorose circolate sul web da parte dei no-vax nell'ultimo anno e mezzo, da quando cioè le case farmaceutiche (Pfizer e Moderna, ma non solo) hanno sviluppato il vaccino contro il virus Sars-CoV-2, è stata ripresa addirittura da un giudice della Corte Suprema. E le sue parole arrivano pochi giorni dopo la bufera per la sentenza che ha rimesso in discussione il diritto all'aborto negli Stati Uniti d'America.

Meghan Markle e l'aborto: «Nessuno dovrebbe essere costretto a mettere a rischio la propria vita»

Il giudice in questione si chiama Clarence Thomas e, secondo quanto scrive Politico, ha suggerito che i vaccini contro il Covid-19 siano stati sviluppati usando cellule di «bimbi abortiti». Politico cita le sue parole in una opinione di minoranza su un caso in cui la Corte suprema si è rifiutata di prendere in esame il ricorso di alcuni operatori sanitari, che invocavano la libertà religiosa per sottrarsi all'obbligo di vaccinazione imposto dallo stato di New York.

Usa, l'aborto non è più un diritto costituzionale. Biden: «A rischio la salute e la vita delle donne»

«Obiettano su basi religiose contro tutti i vaccini anti Covid disponibili perchè sono stati sviluppati usando cellule derivanti da bimbi abortiti», scrive Thomas, che era favorevole ad esaminare la causa dei ricorrenti. Nessuno dei vaccini anti Covid 19 in Usa contiene cellule di feti abortiti, precisa però appunto Politico, ricordando che cellule ottenute da aborti scelti liberamente alcuni decenni fa furono usate in test durante lo sviluppo di vari vaccini.

 

Chi è il giudice Clarence Thomas

Thomas, 74 anni, è giudice della Corte Suprema dal 1991, nominato dall'allora presidente George Bush padre: oltre ad essere il giudice col servizio più lungo tra gli attuali membri, è considerato anche il più conservatore. E non a caso nella sentenza dello scorso 24 giugno con cui la Corte ha ribaltato la sentenza Roe vs Wade, che garantiva da 50 anni il diritto all'aborto, c'è anche il suo voto proprio a favore della sentenza e contro l'aborto. E pochi giorni fa, lo stesso Thomas in alcune dichiarazioni ha fatto capire che secondo lui la Corte Suprema dovrebbe 'riconsiderare' alcune passate decisioni in merito a contraccezione, matrimoni gay e addirittura anche sulle relazioni omosessuali.

Il giudice Clarence Thomas

© RIPRODUZIONE RISERVATA