Ucraina, danneggiato il gasdotto Mariupol-Donetsk: 750.000 persone al freddo. Gas disponibile per tre ore

Valvole chiuse nella regione di Vuhledar

Domenica 6 Marzo 2022
Ucraina, danneggiato il gasdotto Mariupol-Donetsk: 750.000 persone al freddo

Isolati: senza cibo, senza acqua, senza riscaldamento. La città di Mariupol e i suoi cinquecentomila abitanti sono rimasti al gelo perché è stato danneggiato il gasdotto che approvvigiona la regione. E non solo la regione di Mariupol. Circa un milione di consumatori nelle regioni di Donetsk e Zaporizhia rimarranno senza fornitura di gas. Tutti gli insediamenti da Vughedar a Berdyansk rimarranno presto senza gas, ha detto il capo dell'amministrazione regionale civile-militare di Donestk Pavlo Kyrylenko. I tubi dell'importante gasdotto Kramatorsk-Donetsk-Mariupol sono ko: la pressione del gas è bruscamente scesa.  L'Ucraina accusa la Russia di aver «danneggiato il gasdotto Donetsk-Mariupol», lasciando più di 750.000 persone al freddo. La denuncia, riportata anche dalla Cnn, è arrivata tramite la parlamentare ucraina, Inna Sovsun, secondo la quale «il gasdotto Donetsk-Mariupol è stato danneggiato dagli occupanti russi».

 

 

«Ora - scrive - più di 750.000 persone sono senza riscaldamento mentre fuori spesso le temperature sono sotto zero. Quasi un milione di persone dovranno affrontare un disastro umanitario, rischiano di congelare, fino alla morte». «Abbiamo bisogno ora di una no-fly zone», insiste.

 

Attualmente, 39 stazioni di distribuzione del gas nelle regioni di Kharkiv, Donetsk, Zaporizhia, Kyiv, Luhansk, Mykolaiv e Kherson rimangono chiuse. Il giorno precedente, 5 marzo, Gas TSO of Ukraine ha trasportato 75,4 mcm di gas per i consumatori domestici. 

 

 

«Al fine di eliminare la perdita incontrollata di gas naturale, gli specialisti del Dipartimento di produzione lineare di Kramatorsk dei principali gasdotti "GTSOU Operator of Ukraine", hanno chiuso l'unità della valvola al gasdotto indicato nella regione di Vuhledar. Attualmente, la pressione nel gasdotto sta diminuendo, il gas durerà per circa tre ore», ha detto sul canale Telegram Kyrylenko. «Stiamo lavorando per risolvere questo problema il più presto possibile», ha detto. 

 

C'è un comunicato della multiutility ucraina che risale al 3 marzo scorso e che segnalava già danni, anche a un altro gasdotto. Ecco cosa riporta: «La GTSOU riporta danni al gasdotto nella regione di Luhansk. Come risultato delle ostilità da parte della Russia, la prima linea del gasdotto principale di Luhansk-Lysychansk-Rubizhne nella zona della filiale GDS di Lysychansk è stata danneggiata. I responsabili dell'azienda hanno segnalato una diminuzione della pressione nel sistema e, alle 8:50 del 3 marzo, hanno interrotto la fornitura di gas naturale. Non ci sono vittime tra i dipendenti dell'operatore GTS. GTSOU riprenderà il funzionamento del gasdotto il più presto possibile, ma attualmente ci sono ostilità attive nella zona dell'incidente.  Tuttavia, il sistema di trasporto del gas dell'Ucraina continua a trasportare il gas ai consumatori e alle infrastrutture critiche. Tutti i dipartimenti svolgono il loro compito, i dipendenti della GTSOU lavorano in modalità di sicurezza rafforzata. Ricordiamo che il 2 marzo l'attacco aereo ha danneggiato due stringhe del gasdotto fino alla stazione di distribuzione del gas Izyum (GDS) (regione di Kharkiv), da cui i consumatori di Izyum ricevono il gas, e come risultato del bombardamento dell'artiglieria sono stati danneggiati gli edifici amministrativi di Mykolayiv e Kharkiv».

© RIPRODUZIONE RISERVATA