Piogge torrenziali a Sydney, straripa la diga di Warragamba: quasi 10mila evacuati, un morto

Nubifragi nella più grande città australiana: strade bloccate, ponti chiusi e migliaia di sfollati

Sydney, per le piogge torrenziali straripa la diga di Warragamba: un morto e quasi 10mila residenti evacuati
Sydney, per le piogge torrenziali straripa la diga di Warragamba: un morto e quasi 10mila residenti evacuati
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Luglio 2022, 12:29 - Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 16:05

Emergenza a Sydney, dove da giorni le piogge torrenziali non danno respiro alla più grande città dell'Australia. E stanno provocando danni in diverse aree: ultimo quello della diga di Warragamba, nel sud-ovest di Sydney, che ha iniziato a straripare nelle prime ore della mattina, ben prima delle previsioni delle autorità.

A Camden, un sobborgo della città i servizi di emergenza hanno salvato dalle inondazioni 29 persone e sono stati chiamati 1.400 volte nell'arco di una sola giornata. Quasi diecimila abitanti a Sydney hanno ricevuto l'ordine di lasciare le loro case per l'emergenza maltempo mentre si conta già un morto. A marzo, le inondazioni causate da forti temporali hanno devastato la parte occidentale di Sydney, uccidendo 20 persone.

L'emergenza

E secondo le previsioni dovrebbero durare almeno altri due giorni, fino a martedì. Intanto le autorità hanno chiesto a migliaia di abitanti della città di evacuare a causa delle inondazioni causate da piogge torrenziali. Sono 15 gli ordini di evacuazione in vigore rivolti a 3.500 persone, mentre sono stati gestiti 17 avvisi di evacuazione per altre 6.000, riporta il quotidiano "The Sydney Morning Herald". Gli esperti prevedono che le piogge continueranno fino a martedì. Le prossime 24 ore sono considerate le ore più pericolose. Il ponte Windsor - che attraversa il fiume Hawkesbury - nella città di Sydney è stato chiuso a causa dello straripamento del corso del fiume. Da parte sua, la compagnia di trasporti della regione del New South Wales ha consigliato ai conducenti di evitare viaggi non essenziali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA