Stupro di gruppo su un 11enne: bambino muore dopo anni di violenze di quattro fratelli

Il bambino ha raccontato gli abusi che è stato costretto a subire solo l’anno scorso quando ha scoperto di essere malato

immagine di repertorio
immagine di repertorio
2 Minuti di Lettura
Martedì 14 Giugno 2022, 22:46

Per più di due anni è stato violentato da quattro fratelli vicini di casa, ma è riuscito a denunciare lo stupro di gruppo solo quando ha scoperto di aver contratto l’Hiv. Un bambino di 11 anni è morto in un ospedale di Santa Cruz in Bolivia sabato scorso dopo due infarti. Il caso ha sollevato una profonda indignazione nel Paese che si è stretto intorno alla famiglia chiedendo giustizia. Anche il presidente Luis Arce si è esposto sui social esprimendo il proprio cordoglio per la morte del bambino di Yapacaní. «Questo tragico evento non può restare impunito, è inconcepibile accettare tanto male contro un bambino innocente. Alla sua famiglia, tutto il nostro sostegno» ha scritto su Twitter.

Leggi anche > Seviziato da mamma e compagno fino alla morte: nei video gli abusi choc su un 15enne

Due aggressori, riporta il Sun, hanno 15 e 17 anni mentre gli altri erano più grandi di 23 e 28 anni. Il maggiore dei fratelli è morto l’anno scorso di Aids, uno dei due adolescenti pare sia fuggito in Cile, l’altro giovanissimo è sotto la custodia del tribunale dei minori. Il quarto è andato in tribunale la scorsa settimana dove però lo attendevano alcuni residenti di Yapacaní che sono riusciti a superare il cordone di sicurezza e lo hanno raggiunto per picchiarlo. Il presunto violentatore è stato poi spogliato e costretto a correre nudo in strada per scappare al linciaggio. La piccola vittima ha raccontato gli orrori che è stato costretto a subire solo l’anno scorso quando ha scoperto di essere malato. Ha identificato i suoi aggressori e la sua famiglia è andata alla polizia per denunciare gli abusi. Il bambino ha testimoniato di essere stato più volte violentato dai quattro fratelli vicini di casa, con i quali andava a giocare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA