Un giorno libero in più a settimana per gli statali, ma solo a una condizione: così lo Sri Lanka affronta la crisi

L'ipotesi al vaglio del Governo dello Sri Lanka per fronteggiare una crisi alimentare ed economica senza precedenti

Un giorno libero in più a settimana per gli statali, ma solo a una condizione: il piano anti-crisi
Un giorno libero in più a settimana per gli statali, ma solo a una condizione: il piano anti-crisi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Giugno 2022, 11:37 - Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 18:03

Un giorno libero in più a settimana per tutti i dipendenti statali. Non si tratta di un privilegio, bensì di una mossa studiata per fronteggiare una crisi senza precedenti. È l'ipotesi al vaglio del Governo dello Sri Lanka, alle prese con una crisi alimentare ed economica che sta mettendo in ginocchio un Paese già povero.

Leggi anche > Cade in un pozzo di 150 metri, bambino di 18 mesi estratto vivo dall'esercito: rimasto sotto terra per ore

I cittadini cingalesi, infatti, stanno soffrendo per la mancanza di alimenti di base e per l'altissima inflazione, oltre ai rincari senza precedenti per quanto riguarda i carburanti e le medicine. Per questo, il Governo sta pensando di concedere ai dipendenti pubblici un giorno di riposo in più ogni settimana, a patto che questo venga impiegato per lavorare la terra e coltivare degli orti nei pressi delle loro abitazioni. La carestia sembra un destino inevitabile nel prossimo futuro e, per il Governo di Colombo, questa mossa permetterebbe sia di fronteggiare la crisi alimentare, sia di ridurre il consumo di combustibili causato dagli spostamenti del personale statale.

A parlare di questa ipotesi è il Guardian, che riporta anche il monito dell'Onu sulla crisi umanitaria che sta affrontando lo Sri Lanka, dove quattro cittadini su cinque (in una popolazione totale di 22 milioni di persone) non riescono a consumare tutti i pasti quotidiani. Per questo, si pensa di concedere il venerdì libero a tutti i dipendenti pubblici, senza tagli di stipendio, anche se questa mossa non sarà applicata ai lavoratori dei servizi essenziali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA