Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spagna, spiava le dipendenti in bagno con micro-telecamere: arrestato un imprenditore

Spiava le dipendenti in bagno con micro-telecamere, arrestato un imprenditore
Spiava le dipendenti in bagno con micro-telecamere, arrestato un imprenditore
2 Minuti di Lettura
Martedì 3 Dicembre 2019, 17:59 - Ultimo aggiornamento: 18:03

Aveva installato alcune micro-telecamere all'interno dei bagni delle donne della sua azienda, per spiare e registrare le sue dipendenti nei momenti più intimi. Per questo motivo un imprenditore di 53 anni è stato arrestato, dopo che alcune donne avevano scoperto di essere state spiate.

Leggi anche > Picchia e spara al suo cane, poi lo trascina in strada: «Sono cacciatore, sparo a chi c...o mi pare» 

È accaduto in Spagna, a Villamuriel de Cerrato (Palencia). Come riporta 20minutos.es, le prime denunce erano state presentate nel giugno 2018 da sette dipendenti dell'uomo, che avevano scoperto le telecamere all'interno dei bagni delle donne. L'uomo era stato prima arrestato e denunciato, per poi essere scarcerato in attesa del giudizio. La Guardia Civil, però, aveva avviato delle indagini ed era riuscita a scovare oltre 290mila immagini e quasi 20mila video registrati nei bagni delle donne.

I file sono stati trovati sia nelle schede di memoria contenute in due micro-telecamere, sia in altri supporti, come pen-drive, un hard-disk esterno, un computer portatile e un telefono cellulare. La maggior parte dei file erano protetti, ma gli informatici della Guardia Civil, dopo mesi di lavoro, sono riusciti a individuarli. Per questo motivo l'uomo, che vive nella provincia di Valladolid, è stato nuovamente arrestato e la sua posizione, alla luce delle prove riscontrate, potrebbe aggravarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA