Spagna, marinaio ucraino attacca e affonda lo yacht di un milionario russo: «È un venditore di armi»

L'uomo è stato arrestato dopo aver affondato parzialmente il lussuoso yacht da oltre 7 milioni di euro

Marinaio ucraino tenta di affondare lo yacht di un oligarca russo: «È un venditore di armi»
Marinaio ucraino tenta di affondare lo yacht di un oligarca russo: «È un venditore di armi»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Febbraio 2022, 09:34 - Ultimo aggiornamento: 1 Marzo, 10:43

La guerra si sposta anche al di fuori dei confini dell'Ucraina. Un marinaio ucraino è stato infatti arrestato a Maiorca, in Spagna, dopo essere riuscito ad affondare, anche se solo parzialmente, il lussuoso yacht di un oligarca russo. Arrestato, l'uomo ha spiegato: «Volevo colpirlo perché è un venditore di armi».

Leggi anche > Ucraina-Russia, domande e risposte: reazioni, minacce e rischi, gli interrogativi del conflitto

Il lussuoso yacht, chiamato Lady Anastasia e dal valore di 7 milioni di euro, si trovava ormeggiato a Port Adriano a Calvià. Il marinaio ucraino ha tentato di affondarlo completamente e, una volta arrestato, al giudice ha spiegato: «Il proprietario dello yacht è colui che ha fornito i missili per distruggere edifici civili a Kiev, non potevo restare a guardare». Il proprietario della Lady Anastasia è infatti Alexander Mikheev, che ha fatto la sua fortuna con la Russian Helicopter Corportaion, azienda che produce aerei da guerra. Dal 2016, invece, l'oligarca russo gestisce la vendita di armi in tutto il mondo, anche se il principale cliente resta la Russia.

 

Il marinaio ucraino si è preso tutta la responsabilità e ha spiegato al giudice: «Il proprietario della nave è un criminale che è diventato ricco vendendo armi che ora uccidono gli ucraini. Sono salito sullo yacht, ho aperto una grande valvola in sala macchine e un'altra dove vive l'equipaggio. Ho chiuso le valvole del carburante e spento l'elettricità, in modo da evitare incendi. Poi ho contattato i membri dell'equipaggio, invitandoli ad abbandonare la nave».

La nave è affondata solo in parte grazie all'intervento del personale del porto di Maiorca. I danni restano comunque ingenti. Il giudice non ha convalidato l'arresto ed il marinaio ucraino è ora denunciato a piede libero, in attesa del processo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA