Robot copilota di un aereo spia per la prima volta, il test negli Stati Uniti: il nome dalla saga di Star Wars

Robot copilota di un aereo spia per la prima volta, il test negli Stati Uniti: il nome dalla saga di Star Wars
Robot copilota di un aereo spia per la prima volta, il test negli Stati Uniti: il nome dalla saga di Star Wars
di Silvia Natella
2 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Dicembre 2020, 09:56

Per la prima volta un aereo militare statunitense ha volato con un robot come copilota. Come riporta il Telegraph, si tratta di un'altissima tecnologia che un giorno potrebbe dare all'America un enorme vantaggio sugli avversari nei cieli. L'algoritmo AI, noto come Artuμ, ha volato insieme a un pilota umano su un aereo spia U-2 Dragon Lady. Non era mai successo che un sistema di intelligenza artificiale avesse il comando e il controllo di un velivolo. È accaduto il 15 dicembre in California e il nome proviene da R2-D2, il droide dell'universo fantascientifico di Star Wars che a bordo dell’X-Wings si occupava dei sistemi del mezzo.

Leggi anche > Telecamere e software contapersone: così Firenze batte gli assembramenti

L'intelligenza artificiale è stata sviluppata da DeepMind di Google ed è poi stata "reclutata" dall’aeronautica militare statunitense. La U.S Air Force ha messo in atto più di un milione di simulazioni per fare in modo che facesse ricorso al radar dell’aereo. L’addestramento, della durata di un mese, ha portato al test. Il 15 dicembre l’U-2 con a bordo l’uomo e l’intelligenza artificiale sono partiti dalla base Beale per simulare una missione di ricognizione durante un attacco missilistico.

I due membri dell’equipaggio si sono divisi i compiti: il pilota umano ha tenuto d’occhio gli aerei nemici, mentre Artuμ ha cercato i lanciamissili a terra. Il robot ha deciso autonomamente su quali obiettivi concentrarsi. Con gli algoritmi in gioco gli scenari bellici possono cambiare notevolmente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA