Rapine a Londra a casa delle celebrità: rubati oggetti preziosi dal valore di milioni di sterline

Lunedì 16 Novembre 2020 di Nico Riva

Una squadra di ladri di professione ha messo a segno una serie di rapine incredibili a danno di tre celebrità. I furti si sono verificati lo scorso dicembre in tre ville di lusso di Londra, per un bottino di svariati milioni di sterline in orologi, gioielli e altri effetti personali di Frank Lampard, ex stella del Chelsea e oggi suo allenatore, dell'ereditiera Tamara Ecclestone e della famiglia del miliardario Vichai Srivaddhanaprabha. La corte di Isleworth, in Inghilterra, teme che dietro i furti ci sia una associazione a delinquere fra le più grandi dell'intero Paese. 

 

Leggi anche > Furto da sessantamilioni di euro in casa di Tamara Ecclestone. Arrestato il ladro

 

Nel giro di un paio di settimane, poco prima dello scorso Natale, il team di criminali avrebbe compiuto le tre rapine milionarie. Al momento, sarebbero quattro le persone indagate, specifica il procuratore Timothy Cray. La prima vittima è stata Frank "Frankie" Lampard, calciatore leggendario, bandiera del Chelsea FC. Il 1° dicembre 2019, i ladri hanno trafugato da casa Lampard un orologio di diamanti, gemelli per camicia e un orologio a muro per un valore totale di circa 60mila sterline (oltre 66mila euro). 

 

 

 

Il 10 dicembre è stata la volta della famiglia dell'imprenditore tailandese Vichai Srivaddhanaprabha, ex presidente del Leicester City. Il miliardario, morto in un incidente in elicottero nell'ottobre 2018, aveva lasciato la sua villa ai familiari. La corte ha stabilito che dalla casa dell'ex tycoon i ladri hanno portato via orologi di lusso e 400mila euro in contanti. I ladri inoltre, il giorno seguente avrebbero festeggiato il colpo in un ristorante di lusso vicino alla villa, bevendo bottiglie di champagne da 760 sterline e mangiando sashimi. 

 

La rapina finale è stata anche la più grossa. Secondo quanto stabilito dalla corte di Isleworth, i ladri hanno portato via dal palazzo di lusso dell'ereditiera Ecclestone oggetti (soprattutto gioielli) per un valore di circa 26 milioni di sterline (quasi 29 milioni di euro). Il procuratore Crady ha dichiarato che: «La casa della signora Ecclestone è talmente grande che gli uomini della sicurezza non si sono accorti della rapina se non quando ormai era troppo tardi». 

 

Entro il 18 dicembre, tutti i sospettati avevano lasciato il Regno Unito, partendo per l'Italia, la Svezia, il Giappone e altre località. L'indagine è quindi divenuta internazionale. La svolta è arrivata con il primo arresto, all'aeroporto di Heathrow il 30 gennaio. Il 30enne Emil Bogdan Savastru ha commesso l'errore di rientrare in Inghilterra ed è stato fermato mentre cercava di imbarcarsi su un volo per il Giappone. Il giorno successivo è stata la volta di Maria Mester, fermata a Stansted di rientro da un volo da Milano. La signora Mester indossava orecchini da 3mila sterline appartenenti a Tamara Ecclestone. In seguito, son finiti in manette anche gli altri due sospettati: Alexandru Stan e Sorin Marcovici. Loro negano il proprio coinvolgimento nelle rapine, ma questo verrà stabilito dai giudici nel processo ancora ben lontano dalla sua fine. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA