Quando Putin fece aspettare la regina Elisabetta: la frecciatina della sovrana

Per fare una foto di gruppo durante un evento commemorativo del D-Day, la regina fu aiutata da Obama mentre Putin guardava dall’altra parte

La regina Elisabetta - Vladimir Putin
La regina Elisabetta - Vladimir Putin
2 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Febbraio 2022, 19:14 - Ultimo aggiornamento: 1 Marzo, 12:18

Solo Vladimir Putin poteva riuscire a far rompere il protocollo alla regina Elisabetta. L’episodio secondo quanto riporta il Mirror risale al 2003 in occasione della visita di stato nel Regno Unito del presidente della Federazione Russa. Putin noto per la poca puntualità, ha fatto attendere 14 minuti la sovrana. Uno sgarbo che evidentemente non poteva essere ignorato, almeno non del tutto. Il momento per affondare la reale “zampata” è arrivato a breve grazie al cane di David Blunkett, che all'epoca era ministro dell’Interno. E’ lo stesso Blunkett a raccontare alla Bbc quanto accaduto nelle stanze del palazzo reale: «L'unica volta che ho incontrato Vladimir Putin è stato nel 2003 durante una visita ufficiale e il mio cane abbaiava molto forte. Mi sono scusato con la regina e lei ha commentato: "I cani hanno istinti interessanti, vero?"». Una frecciatina lanciata con grande stile che avrebbe inoltre rotto il protocollo che vuole la regina «neutrale rispetto alle questioni politiche».

Leggi anche > Regina Elisabetta, il piano di fuga in caso di attacco nemico: ecco che cosa prevede

Altro momento imbarazzante nel giugno 2014, durante un evento commemorativo del D-Day in Francia. Nell’incontro avvenuto pochi mesi dopo che il principe Carlo avrebbe paragonato il governo di Putin al regime nazista, la regina era seduta lontano da Putin. A rivelare senza dubbio la tensione tra la monarca e il presidente è stato il momento della foto di gruppo con i leader mondiali riuniti a Chateau de Benouville in Normandia. Per raggiungere gli altri la regina è stata aiutata dall'allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama e dal governatore generale della Nuova Zelanda Jerry Mateparae. Mentre Putin, vicino a loro, guardava dall’altra parte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA