Ex manager russo muore avvelenato da uno sciamano: gli hanno iniettato veleno di rospo

Nessuno avrebbe chiamato i soccorsi

Ex manager russo muore avvelenato da uno sciamano: gli hanno iniettato veleno di rospo
Ex manager russo muore avvelenato da uno sciamano: gli hanno iniettato veleno di rospo
3 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Maggio 2022, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 10 Maggio, 15:08

L'ennesima misteriosa morte tra i miliardari russi: l'ex ad di Lukoil, il miliardario Alexander Subbotin, è morto dopo essersi sottoposto ad un trattamento con veleno di rospo, durante una seduta con uno sciamano a Mytiszcze. Lo riporta il sito polacco Onet, citando una notizia del Moscow Times.

Il veleno di rospo

Subbotin sarebbe morto lo scorso weekend sottoponendosi, con la moglie, ad un trattamento - cui faceva regolarmente ricorso - che prevedeva delle ferite, provocate da tagli, in cui iniettare veleno di rospo per rafforzare il sistema immunitario. Dopo che si era sentito male lo sciamano e la moglie non hanno voluto chiamare i soccorsi - riportano i media - decidendo di ricorrere ad un sedativo a base di erbe naturali. 

Il petroliere è stato messo a dormire nel seminterrato, dove è morto. I coniugi sciamani hanno detto alla polizia che erano solo amici del defunto. Alexander Subbotin è il fratello di Valery Subbotin, ex vicepresidente per l'approvvigionamento e le vendite di petrolio di Lukoil. Ha lavorato nell'ufficio centrale ed è stato percepito come uno dei successori del presidente Vagit Alekperov.

Le morti misteriose degli oligarchi

Quella di Subbotin è solo l'ultima morte misteriosa. Dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina, infatti, diversi oligarchi russi sono morti in strane circostanze. Alla fine di febbraio, vicino a San Pietroburgo, nel villaggio d'élite di Leninskoye, il 61enne Alexander Tyulyakov, vicedirettore generale del Gazprom Unified Settlement Center per la sicurezza aziendale, è stato trovato morto. Il 18 aprile, l'ex vicepresidente 51enne della Gazprombank Vladislav Avaev, la moglie Elena di 47 anni e la figlia Maria di 13 anni sono stati trovati uccisi in un appartamento di Mosca. Secondo la versione preliminare della polizia, Avaev ha sparato a sua moglie e sua figlia e poi si è ucciso. Il 21 aprile, sono emerse informazioni secondo cui nella località turistica spagnola di Lloret de Mar, l'ex top manager della Novatek Sergey Protosenya, così come sua moglie e sua figlia, sono stati trovati morti.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA