Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Olanda, 61 positivi provenienti dal Sudafrica: le autorità indagano sulla variante Omicron

Olanda, 61 positivi provenienti dal Sudafrica: le autorità indagano sulla variante Omicron
Olanda, 61 positivi provenienti dal Sudafrica: le autorità indagano sulla variante Omicron
2 Minuti di Lettura
Sabato 27 Novembre 2021, 10:12 - Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 14:36

Torna in Europa la paura per il Covid, non solo per l'aumento dei contagi ma anche per la diffusione della nuova variante Sudafricana. Sembra infatti che quella che gli scienziati hanno già definito variante Omicron sia arrivata in Europoa e i primi casi sono stati registrati in Belgio e forse anche in Olanda dove sono in corso degli accertamenti su 61 persone.

Leggi anche > Presa a sputi e insulti da una no-vax. Valentina, farmacista 27enne: «Stavo solo facendo i tamponi»

I 61 passeggeri arrivati ad Amsterdam dal Sudafrica risultati positivi al Covid sono ora in isolamento ma le autorità olandesi hanno fatto sapere che su questi verranno fatti tamponi approfonditi per capire se il ceppo contratto sia proprio della variante Omicron. Si tratta di persone che erano a bordo di due voli provenienti dal Sudafrica. Altri 531 passeggeri sono invece risultati negativi. Tutti i positivi sono stati messi in quarantena in un hotel vicino all'aeroporto di Schiphol. 

Individuata inizialmente in Sudafrica e Botswana, Omicron diventa un'incognita a livello internazionale: un caso è stato trovato in Belgio. Riflettori accesi su Hong Kong e Israele tra tante domande a cui, in assenza di dati, al momento non è semplice rispondere. I sintomi, secondo le informazioni che arrivano dal Sudafrica, non sembrano variare rispetto a quelli prodotti dalla variante Delta. E' prematuro parlare di vaccini vulnerabili, anche se Pfizer e Moderna sono pronte a sviluppare versioni aggiornate dei propri farmaci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA