New York, cascate d'acqua in metro: l'uragano Ida miete ancora vittime VIDEO

Giovedì 2 Settembre 2021
New York, cascate d'acqua in metro: l'uragano Ida miete ancora vittime

A New York così tanta pioggia in un'ora non era mai caduta. La città di New York ha registrato ieri, nell'arco di soli 60 minuti, 80,01 mm di pioggia, la più grande quantità d'acqua mai caduta sulla metropoli statunitense.

 

 

Leggi anche > Texas, la Corte non blocca la legge che vieta l'aborto dopo 6 settimane anche in caso di stupro o incesto

 

 

«Questo è molto più di quanto ci si aspettasse, stasera madre natura è davvero arrabbiata. Non era prevedibile», è il commento alla Cnn della sostituto governatore dello Stato di New York Kathy Hochul, da pochi giorni sulla poltrona lasciata da Andrew Cuomo. 

 

 

 

Nella notte lo spiegamento di forze per gestire gli allagamenti e le problematiche legate a venti, inondazioni e piogge, ha lavorato senza sosta. La coda dell'uragano Ida, che ha già colpito con morti e danni Louisiana e Mississippi è arrivato anche negli stati di New Jersey e New York mietendo altre vittime.

 

 

Il bilancio provvisorio è aumentato ad almeno 10 morti, tra cui 2 bambini. Sette persone sono decedute nella città di New York, 1 morto nel New Jersey e un'altra persona nel Maryland. 

Nel New Jersey una delle vitime è morta annegata, si tratta di un uomo si circa 70 anni che si trovava in auto con altre due persone, salvi gli altri due grazie ai vigili del fuoco. 

La tempesta ha attraversato gli stati dell'Atlantico centrale con almeno due tornado, forti venti e piogge torrenziali che hanno fatto crollare il tetto di un edificio del servizio postale degli Stati Uniti nel New Jersey e minacciato una diga in Pennsylvania.

 

Nella Grande Mela, proseguono le operazioni di evacuazione dei passeggeri dalla metropolitana. Anche il sindaco della città di New York Bill de Blasio ha dichiarato lo stato di emergenza invitando tutti a rimanere a casa mentre molte linee elettriche sono saltate. 

 

Ultimo aggiornamento: 14:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA