Movska, cosa è successo davvero? La moglie di un marinaio: «Mio marito è morto, altri 27 sono dispersi»

Altri 27 membri dell'equipaggio sono dispersi

Ucraina, la moglie del marinaio sulla Moskva smentisce il Cremlino: mio marito è morto, altri 27 sono dispersi
Ucraina, la moglie del marinaio sulla Moskva smentisce il Cremlino: mio marito è morto, altri 27 sono dispersi
3 Minuti di Lettura
Domenica 17 Aprile 2022, 18:43 - Ultimo aggiornamento: 18 Aprile, 14:34

La moglie di un marinaio russo che si trovava in servizio sull'incrociatore Moskva ha smentito una versione ufficiale del Cremlino in un post pubblicato su un social network. La donna ha condiviso uno stato riguardo la morte del marito in Ucraina, avvenuta il giorno dell'affondamento del giovedì 14 aprile al largo di Odessa a seguito di un attacco ucraino. Mosca ha negato che si sia trattato di un attacco nemico (parlando invece di un incidente) e ha negato anche che ci siano state perdite tra i suoi uomini.

L'affondamento della Moskva è un giallo: tutti i punti oscuri

Il post della moglie  

L'autrice del post è Varvara Vakhrusheva, moglie del guardiamarina Ivan Vakhrushev, di 41 anni.«Il nostro eroe! È morto facendo il suo dovere. Ha combattuto fino all'ultimo respiro per la vita della nave. Siamo in lacrime e in lutto. Sarai sempre un eroe nei nostri cuori», ha scritto la donna sul post. Successivamente Varvara ha dichiarato ai giornalisti che l'uomo sarebbe morto durante l'affondamento e che era stata informata della morte del marito il 14 aprile: il corpo dell'uomo è stato trovato ma le circostanze della sua morte non sono state rivelate. La signora Vakhrusheva ha detto che altri 27 membri dell'equipaggio sono dispersi, anche se di questo non c'è stata alcuna conferma ufficiale.

 

 L'affondamento dell'incrociatore Moskva 

L’incrociatore missilistico di classe Slava Moskva era una delle più importanti navi della flotta militare di Mosca: 186 metri, 12.500 tonnellate, in servizio dal 1982 per la marina dell’Urss. La nave è affondata al largo di Odessa lo scorso 14 aprile. Il ministero della Difeesa russo ha parlato inizialmente di un incendio a bordo a seguito del quale sarebbero esplose alcune munizioni, poi ha ritrattato, affermndo che la nave è affondata mentre veniv rimorchiata durante una tempesta. L'Ucraina ha invece rivendicato di aver causato la distruzione della nave con 2 missili Neptune (questa versione è stata poi confermata dal Pentagono) e ha affermato che nel disastro navale è morto anche il capitale Anton Kuprin. 

Il video che mostra l'equipaggio dopo il naufragio è un fake?

Per avvalorare la propria tesi secondo la quale l'incidente non avrebbe fatto vittime, il ministero della difesa russo ha anche pubblicato un video che mostra l'equiaggio della nave in seguito al naufragio, in visita alla città di Sebastopoli (in Crimea). Il video ha suscitato un ampio dibattito in rete e ancora non è stata appurata la sua autenticità: c'è chi afferma che si tratta di un fake. Ora le dichiarazioni di Varvara aggiungono nuovi elementi al giallo sul destino dei marinai russi presenti sulla nave.

© RIPRODUZIONE RISERVATA