Missile ipersonico Tsirkon, test di Mosca: è partito da una nave tra Norvegia e Russia (e può colpire obiettivi distanti mille chilometri)

Negli ultimi due anni e mezzo, la Russia ha affermato di aver lanciato più volte il missile Tsirkon dalla sua nave della flotta settentrionale, l'ammiraglia Gorshkov

Missile ipersonico Tsirkon, test di Mosca: è partito da una nave nel mar di Barents (e può colpire obiettivi a 600 miglia di distanza)
Missile ipersonico Tsirkon, test di Mosca: è partito da una nave nel mar di Barents (e può colpire obiettivi a 600 miglia di distanza)
di Mario Landi
3 Minuti di Lettura
Sabato 28 Maggio 2022, 11:26 - Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 09:29

L'annuncio lo ha dato direttamente il ministero della Difesa russo. Mosca ha realizzato un test del missile ipersonico Tsirkon (o Zircon), lanciato da una nave nel mar di Barents, a nord di Norvegia e Russia. Secondo i media statali, il sistema progettato per lanciare uno dei tanto decantati missili ipersonici russi dovrebbe essere pronto per l'uso entro la fine dell'anno. La Tass ha affermato che uno dei sistemi per lanciare il missile Tsirkon è stato sviluppato presso il famoso ufficio di progettazione di razzi NPO Mashinostroyenia a Reutov, vicino a Mosca. Una fonte militare ha detto all'agenzia che il sistema missilistico costiero dovrebbe entrare in servizio con la Marina russa «entro la fine del 2022».

I test di Mosca

Un'altra fonte ha affermato a Newsweek che il nuovo sistema avrà la capacità di colpire obiettivi sia terrestri che marittimi. Ciò gli darebbe le stesse capacità del suo predecessore, il Bastion, che schiera missili da crociera supersonici antinave Oniks. Anatoly Svintsov, vicedirettore generale della NPO Mashinostroeniya, ha detto al canale televisivo militare Zvezda che mentre c'erano versioni aeronautiche e dello Tsirkon, alla sua fabbrica era stato ordinato di «intensificare il lavoro sulla creazione di una versione marina del razzo». Il rapporto sullo sviluppo del sistema missilistico non arriva in un momento casuale, anzi. In questo momento la Marina russa - dopo aver perso l'ammiraglia Moskva - ha un ruolo sempre più importante nella guerra. Questa settimana, secondo analisti la Russia avrebbe caricato missili da crociera Kalibr su due sottomarini Varshavyanka nel Mar Nero, solo pochi giorni dopo che era stato detto che gli Stati Uniti avrebbero preso di mira la flotta russa per liberare il grano arenato nei porti ucraini.

Come funzionano

Negli ultimi due anni e mezzo, la Russia ha affermato di aver lanciato più volte il missile Tsirkon dalla sua nave della flotta settentrionale, l'ammiraglia Gorshkov. Mosca dice che può colpire obiettivi fino a 660 miglia di distanza. A differenza dei missili ipersonici puri che si basano sullo scramjet (un motore a reazione derivato concettualmente dallo statoreattore), si ritiene che sia un missile da crociera ibrido simile a un missile balistico. Gli esperti hanno avvertito che potrebbe sopraffare anche l'American Aegis Combat System. A marzo la Russia ha dichiarato di aver utilizzato per la prima volta missili ipersonici nella guerra in Ucraina, prendendo di mira un magazzino militare nella regione di Ivano-Frankivsk, nella parte occidentale del paese, con la sua nuovissima arma Kinzhal. Mosca sta intensificando i discorsi sulle sue capacità missilistiche. Il mese scorso ha testato il missile balistico intercontinentale Sarmat con capacità nucleare, noto anche come Satan II, che secondo il presidente Vladimir Putin avrebbe fatto «pensare due volte» gli avversari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA