Il marito usa un uncino come sex toy ma perfora ll'intestino alla moglie, arrestato

Giovedì 20 Giugno 2019 di Alessia Strinati
Il gioco erotico finisce male e un marito è stato accusato di omicidio.  Ralph Jankus, 52 anni, della Germania, è stato processato con l'accusa di omicidio dopo aver usato un uncino come sex toy mentre faceva sesso con la moglie Christel di 49 anni. I due stavano avendo una sessione si 48 ore di boundage, ma quello che doveva essere un divertimento si è trasformato in tragedia.

Papà scuote il figlio di 5 settimane e gli causa danni irreversibili: «Ero arrabbiato con sua madre»



L'uncino, usato come gioco erotico, ha perforato l'intestino della moglie, non lasciandole scampo. L'uomo ha ammesso di essere un amante del sado-masochismo, ma ha anche aggiunto che i rapporti con la donna erano tutti consensuali. Dopo aver fatto sesso, la moglie ha iniziato a lamentare dei dolori, ma hanno aspettato 4 giorni prima di consultare un medico, una volta in ospedale però la situazione era troppo grave e per la 49enne non c'è stato nulla da fare.

L'uncino, usato durante il rapporto, ha perforato l'intestino. Se fossero andati subito da un medico la donna si sarebbe potuta salvare, motivo per cui, come riporta Metro, il marito è stato indagato e poi ritenuto colpevole di omicidio. Jankus ha provato a difendersi dicendo di amare molto sua moglie, spiegando che già in passato avevano fatto cose simili e la donna si era lamentata ed era stata visitata, non riportando alcuna lesione, così hanno pensato che fosse susccessa la stessa cosa. 

Ma ad incastrare l'uomo sarebbe stato il figlio della coppia. Il giovane ha raccontato che la madre portava spesso segni di violenza sul corpo, che in passato aveva provato a denunciare, che era stata ricoverata in una clinica psichiatrica proprio perché costretta a subire le perversioni del marito.
© RIPRODUZIONE RISERVATA