Scoperto dalla fidanzata a leggere «Il manuale del pedofilo»: arrestato

L'uomo consultava sul dark web il manuale del pedofilo: un catalogo di immagini e testi terrificanti divisi per argomenti

Martedì 3 Maggio 2022
immagine di repertorio

In piena notte era collegato on line sul dark web per leggere «Il manuale del pedofilo»: 648 pagine su come trovare i bambini e non essere scoperti. Un orrore svelato dalla fidanzata che lo ha lasciato ed è andata a denunciarlo. L’uomo 30enne australiano di Darwin è stato condannato a 18 mesi, nove in carcere e nove in comunità, per detenzione di materiale pedopornografico, Quello che l’uomo consultava nottetempo era un catalogo di immagini e testi terrificanti divisi per argomenti tra cui «come trovare e educare i bambini», «come evitare di essere scoperti» e «come convincere i bambini a mantenere segreti i comportamenti offensivi».

 

Leggi anche > Si schianta con la supercar da 650mila euro appena comprata: non sapeva usare il cambio

 

La ormai ex fidanzata lo ha scoperto alla fine d’agosto dello scorso anno, riporta il Daily Mail. Si è svegliata in piena notte e non trovandolo nel letto con lei è andata a cercarlo nello studio. L’uomo era davanti al pc con le cuffie e non l’ha sentita entrare. Non è servito molto alla partner per capire cosa stesse facendo, così è tornata in camera da letto per prendere il suo cellulare e l'ha usato per registrare cinque video di lui che guardava il materiale pedopornografico con un browser web utilizzato specificamente per accedere al dark web e proteggere così la sua identità. La mattina seguente lo ha denunciato alla polizia, che ha scoperto una «vasta e inquietante gamma» di materiale pedopornografico a cui era stato accesso per due giorni nell'agosto 2021. Gli agenti hanno sequestrato il computer due chiavette Usb, un iPhone e un altro laptop.

 

Il presidente della Corte Suprema, Michael Grant non ha accettato l'ipotesi della difesa secondo cui l'uomo non pensava di fare del male guardando quei contenuti. Al contrario il giudice ha affermato che l'uomo avrebbe dovuto sapere che ogni volta che guardava «un'immagine o un video che quei bambini erano oggetto di sfruttamento e abusi. Devo necessariamente prendere in considerazione il fatto che i bambini sono stati gravemente danneggiati sia in senso fisico che psicologico per soddisfare i desideri ripugnanti, vili e perversi di persone come te». L'uomo dovrà rinunciare ai suoi dispositivi elettronici e avrà un vincolo di buona condotta per due anni dopo il rilascio dal carcere. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA