Curato in ospedale, continua ad avere dolore al petto. 36enne fa una lastra, poi la scoperta incredibile: «Non se n'erano accorti»

Venerdì 26 Marzo 2021 di Emiliana Costa
Curato in ospedale, continua ad avere un dolore al petto. 36enne si sottopone a una lastra e fa una scoperta incredibile: «Non se n'erano accorti»

Curato in ospedale, continua ad avere un dolore al petto. 36enne si sottopone a una lastra e fa una scoperta incredibile: «Non se n'erano accorti». Un uomo viene accoltellato in strada e subito dopo l'agguato viene medicato in ospedale. Ma per un anno continua a sentire un dolore al petto, poi la scoperta inaspettata.

 

Leggi anche > Ha mentito sull'autocertificazione durante lockdown, il giudice lo assolve: «Non c'è obbligo di dire la verità»

 

La vicenda è avvenuta a Kidapawan City, nelle Filippine. Come riporta Metro.co.uk, nel gennaio 2020 Kent Ryan Tomao, 36 anni, è stato preso di mira mentre tornava dal lavoro. Poi la corsa in ospedale, dove i medici gli hanno curato la ferita e gli hanno somministrato degli antidolorifici. Ma i sanitari avrebbero compiuto un errore incredibile. A distanza di un anno, Kent - che nella vita è un minatore - si è sottoposto a una radiografia per iniziare un nuovo lavoro. Dall'esame è emerso che i sanitari gli avrebbero lasciato una lama vicino la gabbia toracica.

 

Il 36enne è furioso perché non può iniziare il nuovo lavoro come minatore finché la lama non sarà rimossa, ma non crede di denunciare. «Mi sono sempre chiesto - spiega - perché sentivo dolore al petto quando faceva freddo. Ma non avevo idea di avere un coltello nel petto. Il dolore non è mai stato così forte da andare da un medico. Aspettavo solo che il dolore passasse. Ora sono sollevato di conoscere il vero problema. I medici non hanno controllato correttamente le mie ferite l'anno scorso, quindi credo che siano in parte colpevoli di quello che è successo. Dovrebbero risolvere questo problema. Non sporgerò denuncia, voglio solo che rimuovano il coltello in modo da poter iniziare a lavorare nella mia nuova azienda».

Ultimo aggiornamento: 13:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA