L'economia dello Sri Lanka è «completamente al collasso», l'allerta del primo ministro

L'economia dello Sri Lanka è «completamente al collasso», l'allerta del primo ministro
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Giugno 2022, 13:14

L'economia dello Sri Lanka è "completamente al collasso". Sono queste le parole di Ranil Wickremesinghe, primo ministro del paese che ha anche aggiunto che il paese è ormai incapace di acquistare carburante importato. La nazione sta affrontando un momento molto difficile a causa della carenza di gas, elettricità e cibo.

Leggi anche > Briatore e la pizza a 4 euro, Sorbillo tende la mano: «Una serata a quattro mani». La proposta

Il primo ministro ha ammesso che il governo ha perso l'opportunità di correggere la situazione. «Ora stiamo vedendo segni di una possibile caduta», ha avvertito. La Ceylon Petroleum Corporation è attualmente indebitata in modo significativo, ha affermato. «Di conseguenza, nessun paese o organizzazione al mondo è disposto a fornirci carburante. Sono persino riluttanti a fornire carburante in cambio di denaro». 

Il governo sta cercando assistenza finanziaria da paesi come Cina, India, Giappone e Stati Uniti. «Serve il sostegno di India, Giappone e Cina che sono stati storici alleati. Abbiamo in programma di convocare una conferenza dei donatori con il coinvolgimento di questi paesi per trovare soluzioni alla crisi dello Sri Lanka», ha affermato Wickremesinghe. L'India ha già offerto supporto al paese assediato, fornendogli circa 3 miliardi di dollari.

La nazione che conta 22 milioni di persone ha già detto che interromperà il rimborso di 5,7 miliardi di sterline di debito estero quest'anno. Con la peggiore crisi finanziaria del paese dall'intensificarsi dell'indipendenza, le persone hanno dovuto lottare per acquistare beni di prima necessità come cibo e medicine. Questo ha fatto sì che scoppiassero numerose proteste che hanno portato alle dimissioni del primo ministro Mahinda Rajapaksa il mese scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA